Il consigliere Gianni Iurato lamenta lo stato di abbandono dei posteggi-tendoni al mercatino degli agricoltori

“Continua lo stato di abbandono dei posteggi-tendoni del mercatino degli agricoltori del giovedì, ubicato in contrada Tabuna a fianco del teatro Tenda. E’ una situazione di degrado non degna di un comune capoluogo di provincia”. Lo mette in evidenza il consigliere comunale di Ragusa Prossima, Gianni Iurato, parlandone come di una situazione che ha già superato da un pezzo i livelli di accettabilità. “Già in passato,  in Consiglio comunale – spiega – avevo chiesto interventi urgenti per il rifacimento delle tensostrutture, dell’impianto idrico ed elettrico. Su sollecitazione degli agricoltori e di alcuni cittadini che mi hanno segnalato tale disastro, reitero la richiesta di un intervento di manutenzione straordinaria degli spazi riservati al mercato e soprattutto dei box, ormai orribilmente fatiscenti. Gli animali custoditi dagli stessi agricoltori nelle loro stalle, stanno senza dubbio meglio di quanti operano all’interno dei box tutti ormai usurati, bucati, strappati, sporchi. Per non parlare di quando piove, perché con l’acqua che entra da tutte le parti, tetto compreso, diventa una tragedia”. Come aggiunge Iurato: “Qualche agricoltore, di sua iniziativa, ha provveduto a rappezzare il proprio box per contenere il vento e la pioggia: ma, purtroppo, inutilmente. Evidenziamo che il servizio di pulizia dei luoghi è da rimodulare. Dopo 15 mesi di amministrazione non ci sono più scuse, non si può utilizzare il metodo dello scaricabarile con le amministrazioni precedenti, a maggior ragione in questo caso. La situazione si è via via aggravata nell’inverno precedente, però, nonostante tutto sia stato tempestivamente segnalato in Consiglio, non c’è stato alcun passo in avanti e oggi facciamo i conti con una situazione davvero disperata. Riteniamo che l’amministrazione “del fare” debba passare dalle parole ai fatti: aspettiamo delibere e impegni di spesa, altrimenti non ci resta che sperare nella prossima amministrazione. Sarei più contento se tutti, proprio tutti, riuscissimo a dare risposte concrete ai cittadini;  a maggior ragione quando i bisogni riguardano una città piena di criticità in numerosi settori. Noi continuiamo ad essere interpellati, prendendo atto di parecchie cose che non vanno”.

di Redazione25 Ott 2019 14:10