Notte d’inferno.

Una notte davvero difficile per i VVF di Ragusa infatti dalla prima serata di ieri per fare fronte alle 240 richieste di intervento tutto il personale del Comando provinciale è stato impegnato  per cercare di limitare i danni causati dall’’acqua soprattutto nella fascia costiera tra i comuni di Modica-Scicli e Ispica. Vista la gravità degli eventi in aggiunta alle tre squadre ordinarie ed alla
squadra operativa dei Volontari di santa Croce Camerina è stata trattenuta in servizio
una squadra del turno smontante, è stato inoltre immediatamente richiamato personale
libero dal servizio, due unità abilitate all’uso di mezzi movimento terra, 6 unità S.A.F.,
(speleo-alpinistico-fluviali) che hanno operato dapprima nei territori di questa provincia,
per recupero di auto in panne e persone sui tetti delle stesse, per poi essere inviati a
supporto dei colleghi del comando di Siracusa.
Nelle aree interessate è stata inviata una squadra operativa proveniente dal
distaccamento VV.F. di Gela.  Con mezzi meccanici movimento terra VV.F. è stata supportata l’attività
dell’ANAS in prossimità del ponte Cipolla sulla S.S. 115 dove ha straripato il torrente.
Nel corso della notte a causa di una frana verificatasi lungo il costone adiacente
via Socrate a Ispica, sono state evacuate in via precauzionale otto famiglie, il Sindaco
del Comune ha attivato i propri uffici per verificare lo stato dello smottamento.
Il video si riferisce proprio ad Ispica ed è stata presa dal sito Meteo.it.
Dalla mattinata odierna, squadre Vigilfuoco stannno continuando ad operare per recupero
beni e svuotamento scantinati le squadre ordinarie saranno affiancate da 6 unità
appositamente richiamate in servizio

di Direttore26 Ott 2019 11:10