Calcio: nuova beffa finale per il Città, il Marina campione d’inverno in anticipo, il Pro Ragusa in zona play off

La maledizione di minuti finali, nel caso di domenica del recupero, continua ad accanirsi contro un Città di Ragusa che si conferma primo sul piano dell’impegno e della volontà ma che, purtroppo, invece viaggia vicinissimo all’ultimo posto per quanto riguarda la classifica. Al Selvaggio, contro un Paternò di alta classifica e costruito per andare molto lontano, nonostante la formazione molto rimaneggiata (nella lista data all’arbitro mancava un secondo portiere !) i ragazzi di Filippo Raciti si sono battuti con la consueta determinazione, andando in vantaggio con Zangara nella parte iniziale del primo tempo e tenendo fin quasi al quarto d’ora della ripresa. Subito il pareggio, hanno continuato a tenere il campo alla pari, cedendo la gara (e il preziosissimo punto) soltanto al sesto minuto del recupero concesso dall’arbitro. Davvero eccessivo: l’episodio non chiaro (lunga sospensione per motivi sconosciuti, legati, forse, alla posizione di qualcuno a bordo campo che aveva spinto il collaboratore dell’arbitro sotto la tribuna coperta a richiamare la sua attenzione) avrebbe motivato un paio di minuti al massimo. La rete al 51′, nata da un calcio d’angolo che si sarebbe potuto evitare, è stata la solita punizione esagerata quanto immeritata per il Città, sempre appena un punto avanti l’ultima posizione: e domenica si va a far visita alla capolista. La situazione, motiva ampiamente lo sfogo del tecnico ( “servono rinforzi, non ha senso proseguire così; il ds Santo Palma sta lavorando e ha già quasi tutto pronto. Ma senza segnali dalla società non si può agire) e impone un deciso cambio di rotta: se la condizione sanitaria non dovesse consentirlo, allo si prospetterebbero tempi e futuro molto, molto bui. Diametralmente opposta, invece, la situazione del Maina di Ragusa (appena passato 3-0 a Modica) che con i sette punti di vantaggio sul Misterbianco ad una giornata dal termine dell’andata può festeggiare il titolo di campione d’inverno con largo anticipo. Ma non è solo il margine di vantaggio a motivare la fiducia nella squadra del presidente Alabiso: il tecnico Salvatore Utro guida un gruppo affiatato, capace di esprimere un gioco piacevole ed efficacissimo, con un generale, ottimo tasso tecnico di categoria più alcuni elementi di qualità nettamente superiore al campionato. Infine il Pro Ragusa di Saro Cervillera, che aggiudicandosi in trasferta la sfida col Per Scicli ha consolidato il terzo posto e avanza la sua forte candidatura ad un posto nella griglia play off.

di Gianni Papa11 Dic 2017 14:12