Santa Croce, Giovanni Barone: “i giovani al centro del nostro progetto”

La campagna elettorale verte già sui programmi; Giovanni Barone (per la lista #SantaCroceRivive) parla delle sue idee per le politiche giovanili.
Politiche che passeranno per l’attenzione all’Europa e l’imprenditoria giovanile; infatti, in merito al tema Barone ha dichiarato quanto segue: “creeremo uno sportello Europa, in cui i giovani più meritevoli, possano sviluppare dei progetti utili al nostro Comune per attingere ai fondi europei e facilitarne la razionalizzazione delle risorse economiche interne”.
L’obiettivo, secondo Barone, è quello di agevolare lo sviluppo dell’imprenditoria giovanile, ma al contempo anche cercare di tamponare la tendenza ad espatriare per cercar fortuna; un’ide da attuare attraverso “la nascita di start-up e progetti-pilota che permettano ai giovani di crearsi una possibilità lavorativa e rimanere nella loro città”.
E per trattenere i giovani in paese, Barone pensa anche agli spazi pubblici da destinare loro: parlando del centro storico Camarinense, il candidato sindaco afferma che “bisogna dare ai ragazzi l’opportunità di poter trascorrere una serata a Santa Croce. Il nostro paese deve essere servito, accattivante, pieno di risorse. Nel weekend le nostre strade devono tornare a popolarsi di giovani e famiglie, bisogna riappropriarsi di ciò che è nostro, ma che non sembra più appartenerci”.
Alcuni ragazzi sembrano aver suggerito almeno un paio di idee a Barone per la sua corsa al municipio Santacrocese, concretizzatesi come punti del programma elettorale: “Il primo prevede la creazione di una consulta giovanile, uno strumento utile a garantire la partecipazione attiva degli under 30 alla vita politica e amministrativa del paese, affiancando il futuro assessore alle Politiche giovanile in fase di consultazione e di scelta; il secondo riguarda invece la riapertura del centro giovanile, inteso come luogo di svago e socializzazione per i teenager, evitando così le tentazioni della ‘strada”.

di test18 Apr 2017 11:04