Estorsione a Scicli, i Carabinieri hanno effettuato due arresti

Arrestata una giovane coppia, niente poco di meno che per il reato di “estorsione in concorso” ai danni di un esercizio commerciale di Scicli: sono finiti in manette G.K., 24 anni, di origini tunisine, e P.N., 20 anni, entrambi già noti alle forze di polizia.
I fatti. P.N. era stata rifiutata dopo un periodo di prova per un lavoro in un negozio sciclitano; a seguito del rifiuto, la coppia aveva cominciato a richiedere una consistente somma di denaro al titolare, con la pretesa di ottenere un indennizzo (quasi una buona uscita), arrivando anche a minacciare il proprietario in caso di mancato pagamento.
A quel punto il titolare si era rivolto ai Carabinieri: informati che probabilmente nella serata di ieri i due coniugi si sarebbero ripresentati presso l’esercizio commerciale, i militari hanno predisposto un apposito servizio e si sono appostati all’interno del negozio.
Effettivamente, nel corso della serata, i due soggetti si sono nuovamente recati nell’attività commerciale minacciando il titolare e richiedendogli la somma di 300 euro. A questo punto, sono intervenuti i Carabinieri che stavano attenzionando la scena ed hanno immediatamente bloccato i due giovani mentre stavano uscendo dal negozio dopo aver ingiustamente ottenuto la somma in denaro dietro minaccia.
Alla luce dei fatti, i militari dell’Arma hanno subito condotto i due in caserma e li hanno dichiarati in stato di arresto per il reato di estorsione in concorso.

di Carmelo Dipasquale03 Mar 2017 13:03