Tares. Incontro su novità introdotte

martoranaLa TARES, “tributo sui rifiuti e sui servizi indivisibili” ha introdotto alcuni cambiamenti soprattutto nei confronti di alcune categorie e soggetti economici. Per questo motivo l’Amministrazione Comunale ed in particolare l’Assessore alle Risorse Economiche e Patrimoniali, dott. Stefano Martorana al fine di favorire un confronto e recepire suggerimenti, ha coinvolto nelle giornate del 9 e 14 ottobre scorsi, l’Ascom, la Confesercenti, la Confinduistria, la CNA, l’Associazione Albergatori Federalberghi, l’Associazione Provinciale dei Commercianti la Confcommercio, l’Adiconsum, la Confconsumatori, la Federconsumatori, il Codacons e la Confartigianato. “Con la TARES – ha avuto modo di spiegare l’Assessore Martorana nel corso degli incontri – si dovrà coprire il 100% dei costi del servizio di gestione dei rifiuti mentre al momento il Comune di Ragusa incassa solo 80% della spesa complessiva necessaria per garantire il servizio. L’introduzione del nuovo tributo nasce da una decisione del Governo Monti che scarica sostanzialmente sui Comuni il 100% dei costi di gestione della raccolta dei rifiuti”. Ancora una volta quindi gli enti locali sono costretti ad assumersi i costi politici di scelte sbagliate del Governo centrale che finiscono per penalizzare i contribuenti, già tartassati, e le attività produttive. “Questa Amministrazione – ha detto ancora l’Assessore Martorana – ha stabilito un principio di equità minimizzando, ove possibile, l’impatto devastante della nuova tariffa. In particolare prevediamo l’applicazione di coefficienti minimi per le attività produttive più penalizzate oltre ad una serie di riduzioni alle utenze delle zone industriali ed artigianali. Abbiamo previsto inoltre una riduzione del 15% per le abitazioni che vengono utilizzate prevalentemente nella stagione estiva e del 10% per coloro che hanno avviato il compostaggio degli scarti organici prodotti. Pensiamo anche di definire degli sconti legati al raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata. Si è deciso, inoltre, di applicare un’esenzione finalizzata alla valorizzazione del Centro Storico: per gli immobili acquistati e ristrutturati, si applicherà l’esenzione totale del tributo per i primi tre anni. Per i componenti del nucleo familiare domiciliati altrove, perché impegnati in servizi di volontariato, attività lavorative all’estero, ricovero presso case di cura, non verrà considerata la persona assente al fine della determinazione della tariffa”. Diverse ed interessanti le proposte che sono venute fuori nel corso del confronto con i rappresentanti delle organizzazioni di categoria e delle associazione dei consumatori. All’Amministrazione Comunale è stato chiesto di avviare una campagna di sensibilizzazione nei confronti dell’utenza verso la raccolta differenziata che comporterà un vantaggio economico per il contribuente. Anche il miglioramento della funzionalità dei Centri Comunali di Raccolta e favorire l’utilizzo delle compostiere da parte degli utenti potrebbero anche essere altre misure utili ad alleggerire la pressione fiscale della TARES.

di Redazione15 Ott 2013 17:10

Privacy Preference Center