PD/Megafono. Se ne discute stasera. Iacono ultimo appello.

primarie-pd-risultati-400x215Si deciderà stasera sull’alleanza PD- Megafono nel corso del direttivo cittadino convocato per le 19 nella sede del partito in via Roma.  L’aria che tira è carica di elettricità e sono previste alcune relazioni d’attacco alle scelte che vorrebbe portare avanti Calabrese, personalmente e come segretario.  Ad esempio Battaglia, il senatore,  e l’ex sindaco Massari, hanno già dichiarato la loro contrarietà ad un accordo con Cosentini, forse dimenticando che il suddetto candidato  ormai è rappresentante della lista Crocetta, alleata a Palermo con il partito del segretario Lupo.  Per Calabrese , a questo punto, si tratta solo di azioni preconcette che si oppongono non più all’ideologia ma all’uomo Cosentini. Calabrese infatti, e lo dovrebbe dichiarare nell’incontro di stasera, non vede più le motivazioni per ostacolare Cosentini che rappresenta un buon candidato per la sinistra  ragusana. Questo naturalmente a termini di logica anche se è chiaro che  le cose stanno diversamente. Però quello che conta è il risultato finale e Calabrese sa di giocarsi il tutto per tutto in questa fase di stabilizzazione.  Sa anche che comunque vadano poi le cose le colpe ricadranno tutte su di lui.  Intanto Giovanni Iacono, candidato per IDV interviene  in merito ad alcune dichiarazioni di Giorgio Massari ex Sindaco e vice coordinatore provinciale del PD che vengono riportate negli organi di stampa. Massari come abbiamo già detto non vede di buon occhio l’accordo con Megafono e  invita il  Pd ad avere il rapporto politico con i movimenti che sostengono Giovanni Iacono  ritenuto   ‘interlocutore serio ed affidabile, peraltro da sempre impegnato per dare uno sviluppo coerente al progetto di sviluppo della città e del centrosinistra”.  Giovanni Iacono a questo proposito dichiara :” Ringrazio Giorgio Massari che ancora una volta dimostra la sua coerenza e linearità di comportamenti e ritengo che l’interlocuzione con dirigenti come Giorgio.  dall’alto profilo umano e politico, avrebbe aiutato e può ancora aiutare non a imporre,  in maniera offensiva, egemonica e ingiustificata, i ‘passi indietro’  in cambio di  ‘passi’ peraltro ‘ignoti’ o anche fin troppo ‘noti’ ma a costruire, coerentemente, un cammino programmatico, amministrativo e politico alternativo e di cambiamento alla Città, un cammino forte  ‘a fianco’ di tante persone di buona volontà  e dirigenti del PD come Giorgio Massar

di Direttore29 Apr 2013 14:04

Privacy Preference Center