Alta Velocità a Palermo. Ferrovie in dismissione a Ragusa.

treno_lumaca Centocinque treni regionali, sui circa 500 in circolazione, saranno tagliati a partire dal prossimo 10 marzo. Il piano che dovrebbe essere reso operativo nelle prossime settimane penalizzerà ancora di più i treni regionali in circolazione e, in particolare, la Provincia di Ragusa che già soffre per l’assenza di adeguate vie di collegamento.  “Le scelte di Trenitalia rispetto all’ulteriore depotenziamento della tratta Siracusa-Modica sono inaccettabili e frutto di decisioni elaborate da manager inutili e dannosi”. Così denuncia l’on. Orazio Ragusa che, su questo tema, annuncia battaglia contro i vertici di Trenitalia Sicilia.“Tutto questo è inaccettabile e in controtendenza rispetto alla linea del Governo regionale che sta puntando sull’alta velocità. Invece di inventare nuovi tagli è bene prendere spunto dalla Mozione che ho presentato all’Ars che mira ad estendere l’alta velocità anche in Provincia di Ragusa. Esattamente l’opposto di quanto vuole fare Trenitalia. Il Governo regionale ha scelto bene di “investire” nell’ammodernamento delle ferrovie e più specificamente sull’alta velocità, puntando all’obiettivo di collegare in tempi rapidi il triangolo Catania-Messina-Palermo, prevedendo anche la costruzione del doppio binario. A questo proposito ci si propone di arrivare a nuovi tempi di percorrenza che sarebbero di 80 minuti per la Catania-Palermo, 45 per la Catania-Messina e 120 per la Messina-Palermo. Il piano rappresenta un importantissimo passo in avanti per i collegamenti siciliani, resta adesso da prendere in considerazione la Mozione che ho presentato e inserire la Provincia di Ragusa nel piano dell’alta velocità.

di Redazione13 Feb 2013 12:02