Denunciamo l’Enav.

digiacomoprimopianoPiù che mai con Pippo Digiacomo questa volta, io personalmente, come direttore del giornale,  come appassionato di volo ed infine come truffato e irretito dalla malapolitica e dai traditori del territorio. L’on. Pippo Digiacomo, ora, a seguito delle ultime notizie di stampa riguardanti la vicenda Enav ha dichiarato:  “Avevamo deciso di rimanere in silenzio durante queste settimane delicate e cruciali per il futuro dell’aeroporto di Comiso, volendo evitare polemiche, fraintesi e tutto quello che avrebbe potuto turbare una fase estremamente sensibile di quella che viene universalmente ritenuta come la più importante occasione di lavoro e ricchezza per la provincia di Ragusa e, in generale, per la Sicilia sud orientale. Ma la notizia che l’Enav ha chiesto alla Corte dei Conti un parere rispetto alla possibilità di dismettere il servizio di assistenza al volo dell’aeroporto di Comiso passati i due anni durante i quali si farebbero pagare con soldi pubblici la “modica” cifra di 4 milioni e mezzo di euro, a nostro parere, ha superato ogni limite. Infatti, è come se costoro ammettessero implicitamente di essersi fatti pagare per due anni abusivamente un servizio che avrebbero dovuto rendere gratuitamente in qualità di ente pubblico deputato ad assistere aeroporti come quello di Comiso nati per volontà della Comunità Europea, dello Stato italiano, della Regione Siciliana e degli enti territoriali competenti. Dopo aver accertato l’ ampia collaborazione di tutte le altre amministrazioni interessate, dalla Prefettura alla Guardia di Finanza, dalla Polizia ai Carabinieri, dai Vigili del Fuoco alla Dogana a tutti, l’Enav,  non solo si vuole fare pagare, ma cerca la copertura giuridico amministrativa per un abuso che ha la piena consapevolezza di perpetrare nell’affare aeroporto di Comiso. Bene Pippo, il ragionamentyo non fa una grinza e siamo certi che bisogna fare qualcosa di ben diverso da uno scioppero della fame. Bisogna andare per vie legali e fargli prendere un bello spavento!  Digiacomo continua: A questo punto credo che la questione sia quella di promuovere un’azione legale contro chi sta, scientificamente, arrecando un danno sia alla struttura pronta da anni per essere utilizzata, sia alle legittime attese di milioni di cittadini siciliani. Devo altresì rimarcare ancora una volta le responsabilità di questo governo nazionale distratto e assente su una questione di grande importanza come quella dell’aeroporto di Comiso ora che  è venuto fuori un irragionevole atteggiamento ostile da parte del Tesoro che, come tutti sanno, controlla Enav: atteggiamento incomprensibile da chi continua a prestare servizi di assistenza gratuita in aeroporti italiani fantasma, con grave danno, quello sì all’erario pubblico. Conlcude Digiacomo: Continua questa vergogna nazionale ma adesso, lo assicuriamo, chi ha da pagare pagherà”.

                                                                                        

di Redazione09 Ago 2012 12:08