Referendum riduzione stipendi parlamentari, D’Aragona: “Andiamo a firmare, resta poco tempo”‏

DSC00595Un semplice gesto. Ma che può essere di grande importanza. E’ quello che può essere fatto, attraverso la raccolta di firme per il referendum sull’abrogazione dell’art.2-legge 1261 del 1965, che prevede la riduzione degli stipendi dei parlamentari. Entro la fine di luglio si devono raggiungere, in tutta Italia, 500mila firme per promuovere il quesito referendario che, però, sembra passare sotto traccia. “E’ inammissibile – dice il consigliere di Ragusa Grande di Nuovo Giampiero D’Aragona – che una proposta di legge popolare di questo tipo non venga pubblicizzata se non attraverso internet. Anche al Comune di Ragusa è possibile apportare una semplice firma recandosi al primo piano stanza 11 e dare, così, il proprio contributo. Sento il dovere morale di informare i miei concittadini su questa possibilità, e sperare che qualcosa prima o poi cambi. Noi giovani, che dovremmo essere il cambiamento, dobbiamo iniziare un percorso che sia prima di tutto di umiltà e lealtà. Invito pure tutti i cittadini della provincia a recarsi nei propri comuni di residenza e informarsi su questa raccolta firme attiva già da qualche settimana. Penso sia arrivato il momento di risvegliare il nostro senso civico e morale ucciso da una classe dirigente sorda e cieca alle grida di aiuto dei propri rappresentanti”.

di Redazione03 Lug 2012 16:07