Quattrocento milioni… per Catania aeroporto

>
E’ solo per fare un po’ di “salsa” sull’aeroporto di Catania e mettere su quattro conti. Ripeto stiamo solo scherzando ma ora a Catania, per allungare la pista, servono 400 milioni di euro. Sappiamo bene che ci sono tanti altri lavori da fare come interrare la ferrovia, cosa non da poco, e migliorare la stazione ferroviaria ma come ho detta tante volte  a Catania l’aeroporto cresce sempre più e la Cenerentola Comiso resta a casa a lavare i piatti. Forse con 400 milioni, un terzo del costo della Ragusa Catania, si poteva pensare, ad esempio, ad un collegamento in treno veloce  da Catania aeroporto a Comiso aeroporto e allora si che si sarebbe investito sul sistema dei due aeroporti del sud est.  A Comiso c’è spazio per fare 3 aerostazioni nuove ed allungare la pista facilmente e tante altre cose. A Catania c’è da fare un vero ca…os per allungare 500 metri. Ma così si può diventare intercontinentali. A Palermo c’è  una pista ancora più lunga e come mai non si riesce in questa impresa? Chiediamolo a Schifani cercando di sapere se lui sa che c’è Comiso. Ecco il suo comunicato stampa .  Nuovo passo avanti per rendere l’aeroporto di Catania sempre più competitivo. Rete ferroviaria italiana, dopo il via libera del governo regionale di qualche settimana fa, ha infatti pubblicato sulla Gazzetta ufficiale europea il bando di gara che consentirà il prolungamento della pista del “Vincenzo Bellini”. L’intervento, del valore di circa 400 milioni di euro, con risorse del Fsc e del Pnrr, prevede principalmente l’interramento della linea ferroviaria (oggi di fronte alla pista dell’aeroporto), ma anche la  realizzazione della nuova stazione merci di Catania Bicocca e il potenziamento dell’attuale fermata ferroviaria a servizio dello scalo.
«Un intervento – sottolinea il presidente della Regione, Renato Schifani – che consentirà all’aeroporto Bellini una prospettiva di crescita e di incremento dei flussi turistici, con notevoli ricadute positive sull’economia e sullo sviluppo del territorio siciliano. Sarà questo il filo conduttore del mio governo».
A lavori terminati, “Fontanarossa” avrà una nuova pista di 3.100 metri rispetto a quella attuale di 2.436, oltre a un’altra destinata al rullaggio degli aerei. Un investimento che consentirà  l’aumento della capacità di trasporto dell’aeroporto e il potenziamento dei voli intercontinentali. Il tratto ferroviario interrato è quello della linea ferroviaria Catania-Siracusa, fra le stazioni di Acquicella-Bicocca-Lentini (per una lunghezza di quasi sei chilometri).
«Un’altra grande opera strategica per la mobilità dell’Isola – aggiunge l’assessore alle Infrastrutture, Alessandro Aricò – è pronta a partire. Solo migliorando i servizi, adeguandoli ai canoni degli altri Paesi europei, la Sicilia potrà essere sempre più attrattiva e connessa».
di Direttore12 Dic 2022 23:12