Cosa occorre al “Lavoro”

>

Si parla sempre di più di lavoro e a dire la verità non riusciamo a capire quale è la realtà. Cioè se si ravvisa una crescita del mercato del lavoro o invece come sembra a noi, la crisi è peggio di quello che ci si aspettava. Abbiamo chiesto  al Presidente dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Ragusa, Giusy Saraceno  di darci delle informazioni più precise per capire cosa effettivamente occorre per incentivare il sistema.
“I dati più recenti parlano di un mercato del lavoro che ristagna  con contratti a tempo determinato o stagionali. Nell’ultimo rapporto excelsior di Unioncamere-Anpal si evidenzia una sostanziale riduzione delle assunzioni pari al 10,4% rispetto ai dati del 2021. Per le soluzioni si dovrà lavorare molto sull’estensione dell’equo compenso per i professionisti: tema sul quale, prima della crisi di governo, era pronto un ddl a firma proprio della neo-premier Giorgia Meloni. Si dovrà intervenire inoltre per ridurre il cuneo fiscale e contributivo che pesa su imprese e lavoratori e la riforma complessiva delle pensioni, per superare la legge
Fornero, o comunque dare maggiore flessibilità per l’uscita. Una serie di provvedimenti e di misure per
rendere più appetibile il mercato del lavoro e agevolare – con sgravi contributivi e fiscali – le assunzioni anche per
gli over 50 che sono sempre di più . Una semplificazione sulle moltitudine di adempimenti che quotidianamente ci attanagliano
sarebbe un buon risultato che si potrebbe raggiungere con l’;impegno di una classe politica che guarda al futuro
e alle libere professioni. Non ultimo il reddito di cittadinanza -aggiunge il Presidente Saraceno – una misura sicuramente necessaria come contrasto alla povertà e alle diseguaglianze ma totalmente da rivedere in tema di opportunità lavorative specie per il mondo del terziario e del turismo. Il governo vuole rendere più stringenti i criteri che “obbligano“ ad accettare l’offerta congrua soprattutto per chi risulta già occupabile a prescindere da percorsi di accompagnamento al lavoro. Si spera che il Ministro del Lavoro Marina Calderone, saprà dare una svolta positiva alle tante emergenze lavorative, occupazionali e sociali che
attanagliano il nostro paese con competenza e professionalità.

di Direttore04 Nov 2022 12:11