Si vabbè. Ma come si fa?

>

IL problema c’è e non si può nascondere e è verificabile in pratica in tutta la provincia. Le motivazioni sono molteplici e c’entra sicuramente una gestione da parte del comune non all’altezza. C’è però da dire che esistono delle cause che sono insormontabili come ad esempio la chiusura delle discariche e quindi l’impossibilità a conferire i rifiuti da parte delle imprese e i cittadini che non vogliono tenersi a casa i rifiuti cercano luoghi lontani per liberarsi  delle spazzatura. Non vogliamo rinnovare antico dolore per i 5 stelle tirando in ballo di nuovo inceneritori o impianti simili ma vorremmo sapere quale sarebbe la soluzione? L’inqualificabile e pericolosa presenza di mega discariche di rifiuti lungo le strade urbane ed extraurbane del territorio di Modica, al centro del sopralluogo del candidato alla presidenza della Regione, Nuccio Di Paola, che  lunedì scorso  è stato accompagnato dalla deputata regionale, Stefania Campo, ricandidata all’Ars, e da Piero Bellaera, in rappresentanza di un gruppo di cittadini modicani. A seguito della visita, la stessa Campo ha inoltrato un esposto, sottoscritto anche da Nuccio Di Paola, alla Procura della Repubblica, e una richiesta di incontro urgente al prefetto di Ragusa, Giuseppe Ranieri, per rappresentare la questione e per l’individuazione di immediate soluzioni. “La città di Modica – dice Stefania Campo – sconta l’abbandono della gestione amministrativa da parte dell’ex sindaco Ignazio Abbate, dimessosi in anticipo dalla carica per candidarsi all’Assemblea regionale siciliana in una lista democristiana nata dalla fusione della vecchia Udc e del nuovo partito di Totò Cuffaro. Una fuga strategica dalle sue stesse responsabilità prima che il disastro diventasse evidente. Accanto infatti alla diffusione di decine e decine di mega discariche extraurbane, il Comune sembra sommerso, oltre che da tonnellate di rifiuti, anche da qualche centinaio di milioni di euro di debiti. Questo il motivo per cui abbiamo deciso di denunciare questa assurda fuga da Modica di Ignazio Abbate”. Una situazione che sta assumendo contorni davvero preoccupanti e che, oltre a creare un danno gravissimo al decoro e all’immagine della città e alle sue attività economiche e produttive, costituisce un serio pericolo igienico-sanitario, poiché i cumuli dei rifiuti, oltre a emanare effluvi maleodoranti, sono diventati luoghi malsani, infestati da topi e insetti, determinando così condizioni di invivibilità e insostenibilità ambientale. “È evidente come una situazione del genere costituisca un grave pericolo per la salute di migliaia di cittadini, evidentemente considerati di serie B, e per la stessa igiene pubblica – conclude Campo – oltre che un gravissimo danno al decoro e all’immagine della Città di Modica. Non possiamo pertanto non stare dalla parte dei cittadini in questa ennesima battaglia. Nessun sindaco ha il diritto di scappare dalle proprie responsabilità solo per raggiungere obiettivi di carattere esclusivamente personale”

di Redazione06 Set 2022 14:09