Fine settimana pieno di impegni per le ragusane di calcio e basket

>

Fine settimana molto intenso per le squadre ragusane di calcio e di pallacanestro. Primo a scendere il campo il Pro Ragusa, sabato (ore 15) all’ex Enal contro l’Atletico Catania, imbattuto e quarto in classifica con 5 punti. I neroverdi di mister Nigro, con 1 punto, puntano al primo successo stagionale, ma non sarà facile. Ancora sabato, ma alle 16,15, a Cagliari la rinnovatissima Passalacqua (arbitri Nuara, Culmone e Consonni) è chiamata a rifarsi della batosta di Supercoppa nell’Opening Day – tradizionale giornata di apertura ospitata per intero da una sola città – del suo decimo torneo di A 1. Avversaria la matricola Bruschi Galli Bk S. Giovanni Valdarno di coach Matassini, annunciata carica al massimo per l’esordio nella massima serie. Aquile “lavori in corso”, ma nell’attesa che tutto si sistemi a dovere, sicuramente anche vogliose di riscattarsi e ribadire il diritto al ruolo di grandi. Sempre sabato, alle 19 la Virtus Kleb inizia la nuova avventura nel girone B della B nazionale contro Pontoni Monfalcone, guidato da coach Matteo Praticò. Il team giuliano è di peso, ma gli iblei hanno già mostrato in SuperCoppa un potenziale di rispetto. Infine, domenica (ore 15) il Ragusa ritrova il Selvaggio (Aldo Campo per i puristi) dopo l’impresa di Marigliano nell’infrasettimanale, che ha portato i primi punti e la prima vittoria nella stagione del ritorno in D.  Fermi mercoledì per la pioggia che ha impedito al Trapani di viaggiare, ma vincitori all’esordio in casa del S. Maria Cilento, gli jonici di Renato Mancini, neopromossi come gli azzurri, sono forti e dotati di buone individualità, anche straniere. Filippo Raciti, che conosce bene lo spessore dei calabresi, più freschi grazie alla mancata scesa in campo mercoledì, ha preparato la sfida con grande attenzione sapendo che ci sarà da lottare dal primo all’ultimo minuto. Ma, come tutto l’ambiente, ha fiducia nelle qualità dei suoi giocatori, che sprizzano entusiasmo e sono determinati al massimo. Fondamentale la presenza dei tifosi, che dovranno dimostrare con i fatti (i numeri sulle tribune) il gradimento per la serie ritrovata dopo gli anni amari del “passaggio del guado”.

di Gianni Papa30 Set 2022 16:09