Rifiuti: Non c’è speranza

>

Nella conferenza stampa di lunedi mattina tenuta dal segretario cittadino del PD Peppe Calabrese e dall’on Dipasquale si è discusso della grave crisi nella quale versa la città a causa della impossibilità di conferire i rifiuti secchi e inerti in discariche vicine. Come si saprà dopo la chiusura di quella di Motta S.Anastasia al comune di Ragusa non resta  che cercare altri siti, se si trovano, e pagare cifre altissime per il trasporto dei rifiuti ed il conferimento. Peppe Calabrese si è detto preoccupato dei cumuli si spazzatura che crescono ad ogni angolo ma ha ribadito che ci sono delle colpe ben precise perchè nel passato non si sia pensato alla messa in sicurezza e all’ampliamento della discarica di cCva dei Modicani. Nella storia ripercorsa anche da Dipasquale spunta il nome dell’attuale assessore Giovanni iacono che all’epoca, circa 10 anni fa, presentò un atto di indirizzo. poi votato quasi all’unanimità. che bloccava la realizzazione della famosa quarta vasca.. Se così non fosse stato probabilmente, oggi, non avremmo di questi problemi. Resta comunque la necessità di individuare un sito per la discarica comprensoriale, come da obbligo della Regione, e ancora si è solo nelle fasi di interlocuzione. A conclusione dell’incontro è stato ribadito da Calabrese che non ci sono al momento soluzioni ma le colpe sono di persone ben individuabili e poi Diapasquale che ha invitato i cittadini a mettersi l’anima in pace. Nei prossimi anni i ragusani pagheranno molto per non avere la spazzatura in casa  me lo dovranno ricordare al momento buone.

di Direttore27 Giu 2022 15:06