Mercato di Vittoria: prime polemiche

>
Il mercato ortofrutticolo di Vittoria vero motore dell’economia iblea vive una fase di transizione molto delicata. Negli ultimi giorni della passata amministrazione commissariale erano stati siglati accordi tra organismi similari a livello nazionale. Ora c’è una nota stampa dell’associazione dei Concessionari dell’Ortomercato di Vittoria che denuncia le tante criticità relative alla attuale amministrazione comunale.  E’ intervenuta in merito la coordinatrice cittadina di Fratelli d’Italia . “L’amministrazione Aiello – dice Cannata – non ha la minima idea per il rilancio del più importante polo economico cittadino: il Mercato Ortofrutticolo. Si brancola paurosamente nel buio e l’inadeguatezza del sindaco rischia di pregiudicare il futuro del Mercato e dei suoi operatori sia a causa della perdita dei fondi del Pnrr sia con la paventata uscita dalla rete di ItalMercati che farebbe perdere importanti canali commerciali al nostro tessuto”.  La perdita dei fondi del Pnrr, l’immobilismo dell’amministrazione, i tanti problemi aperti nella struttura (dalla viabilità alle infiltrazioni piovane), lo smantellamento della Vittoria Mercati per tornare indietro agli anni ’80 con una Multiservizi, l’uscita paventata da ItalMercati sono fatti gravissimi.  Registriamo l’immediata risposta del Sindaco. che ha voluto precisare:  “Italmercati distrae il territorio dagli obiettivi che i Comuni di Vittoria, Comiso, Acate e Pozzallo vogliono perseguire assieme alle rappresentanze del mondo agricolo e degli operatori, senza ricatti o imposizioni”- ha
puntualizzato il primo cittadino.  “La proposta della attuale dirigenza dei Commissionari pone infatti la questione della intangibilità della “Vittoria Mercati” come punto irrinunciabile, mentre il Comune manifestava invece la disponibilità ad
aderire, direttamente o tramite la stessa “Vittoria Mercati”, all’idea di un partenariato. Proposta respinta dall’Associazione”- ha proseguito Aiello.  “ Si tratta di una storia di sistemi collegati ai vecchi gruppi e alle vecchie logiche della “Vittoria Mercati” e al tentativo di imporre alla città e ai fruitori del Mercato scelte di cordata con la pretesa, per giunta, di impedire
al Sindaco di cambiare struttura e forma della società, la “Vittoria Mercati a totale partecipazione del Comune di Vittoria”. Si tratta di un vero e proprio condizionamento del Comune e dei suoi Organi amministrativi”- ha  rimarcato. Il Sindaco Francesco Aiello ha precisato che “Vittoria seguirà la strada della collaborazione tra i Comuni, in sintonia con gli interessi generali dei territori, per raggiungere l’obiettivo di utilizzare i fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, a tutela dei diritti dei territori, degli operatori del mercato e dei produttori,
di Direttore11 Gen 2022 18:01