Ex province, l’Ars rinvia le elezioni

>

Il voto per eleggere i rappresentati delle ex province siciliane, inizialmente in programma a gennaio 2022, è stato rinviato. All’Ars il governo Musumeci si è dovuto arrendere alla volontà di alleati e opposizioni. Le ragioni sono riconducibili anche alla desiderio di tornare all’elezione diretta, con voto popolare, sfruttando una recente sentenza della Consulta che abbatte la riforma voluta da Renzi e Crocetta nella passata legislatura. Prolungate dunque, alla luce dell’emendamento firmato da Gianina Ciancio (deputata regionale del Movimento 5 Stelle), le cariche commissariali. “Si tratta di una situazione provvisoria – ha chiosato la deputata pentastellata – che però pone rimedio alle falle del governo, governo che fino a questo momento si è dimostrato incapace di proporre una soluzione mediata con la maggioranza”.

di Stefano Ferrera16 Dic 2021 13:12