4 dicembre “No Draghi Day”

>

Diversi sindacati non si uniscono al coro di consensi politici per il Governo di Mario Draghi che secondo questi ultimi ha dato stabilità al paese in un momento di grande confusione. Ma è anche vero che sono state effettuate delle scelte difficili da digerire penalizzando non poche categorie di lavoratori e così viene indetta da sigle come ADL COBAS, CLAP, CONFEDERAZIONE COBAS, COBAS SARDEGNA,CUB,FUORI MERCATO, ORSA, SIAL COBAS, SGB, UNICOBAS, USB, USI-CIT una giornata nazionale di protesta Contro le misure economiche del governo Draghi,Contro licenziamenti, privatizzazioni, delocalizzazioni e carovita. Il 4 dicembre dunque ci dovrebbero essere cortei nelle principali città nella certezza che nonostante tutto la libertà di manifestare è un diritto democratico non negoziabile.
Secondo i sindacati suddetti la Legge di Bilancio prodotta dal governo Draghi conferma il nuovo e
pesante attacco alle condizioni di vita dei settori sociali più deboli del paese mentre stanzia ulteriori risorse per le grandi imprese e le rendite finanziarie. Si conferma la linea politica dell’aumento delle disuguaglianze, anziché invertire rotta.
Gli aumenti dei prezzi delle materie prime e dell’energia provocano un rincaro delle bollette e del caro vita che colpiscono lavoratori e lavoratrici, che hanno salari bloccati da contratti non rinnovati, pensionati e ancor peggio gli strati più poveri della popolazione, come
i pensionati al minimo o i percettori del reddito di cittadinanza.
Sulle pensioni si mantiene il famigerato impianto della Fornero, quindi un rialzo dell’età pensionabile, anche se per ammorbidire si propone quota 102 per il prossimo anno, sempre molto al disotto delle aspettative anche per garantire un necessario ricambio generazionale.
Molte altre le rivendicazioni condivisibili e non che è impossibile elencare in un solo articolo di giornale on line.
Concludiamo dicendo che secondo i sindacati a partire dal CUB e urgente la costruzione di un vasto movimento popolare che contrasti con la mobilitazione e la lotta questo disegno autoritario
destinato ad approfondire le disuguaglianze e ad aumentare la povertà.

di Direttore02 Dic 2021 10:12