Vinciguerra (FdI): “Rimango presidente”

>

A Vittoria, il consigliere comunale Alfredo Vinciguerra, di Fratelli d’Italia, affida ai social network il proprio pensiero su quanto accaduto ieri sera durante la seconda seduta del Consiglio comunale nella quale è risultato eletto presidente del civico consesso, con un grosso “però”. È successo, infatti, che a un certo punto si è scoperto che alcuni voti espressi per Concetta Fiore non sono stati conteggiati perché scritti nel retro della scheda di voto. Con quelle preferenze il risultato sarebbe stato diverso.
Al Comune di Vittoria c’è molta confusione su come procedere: una linea di pensiero sostiene che si tratta di un errore materiale, per il quale sarebbe sufficiente correggere l’esito del voto in base a come sono state espresse le preferenze, tutte, ovunque fossero scritte nella scheda. Altri sostengono, invece, che la votazione è nulla – ciò coinvolgerebbe anche la votazione per il vicepresidente – e un’ultima corrente vorrebbe che Vinciguerra si dimettesse immediatamente per procedere a una nuova votazione. In tutto questo non sono poche le voci che vorrebbero la testa del segretario generale colpevole, a loro avviso, di non aver vigilato sulla correttezza delle operazioni di voto.
In questo contesto Vinciguerra scrive su Facebook rivolgendosi alla cittadinanza e ai propri elettori:

Vi ringrazio per gli infiniti attestati di stima che sono pervenuti in queste ore, che mi confermano di essere nella strada giusta.
Ieri a seguito di spoglio avvenuto alla presenza del Segretario Generale e di 3 Scrutatori sono stato proclamato Presidente del Consiglio Comunale di Vittoria.
A seguito di contestazioni emerse circa un’ora dopo dalla proclamazione e andando ben oltre ciò che era dovuto per legge (avrei potuto procedere con la trattazione dei punti all’ordine del giorno) ho proposto al consiglio di procedere a NUOVA VOTAZIONE, ma la maggioranza non ha accolto la mia richiesta, pur essendo espressamente prevista dal regolamento.
Dal che mi sono rimesso alle valutazioni del Segretario Generale, il quale ha confermato la validità della votazione e pertanto la mia elezione.
Ho successivamente disposto la chiusura definitiva della seduta, per rispetto della città e dei vittoriesi, poiché sono stati posti in essere atteggiamenti poco consoni ad un dibattito civile.
Eserciterò la mia funzione di Presidente del Consiglio Comunale nell’interesse della Città, dei Vittoriesi e degli Scoglittesi, nel rispetto della Legge.
Le contestazioni qualora esistenti seguano i percorsi ufficiali, io servirò la
mia Città sempre e comunque e con qualsiasi ruolo come faccio da oltre 20 anni.

di Leandro Papa25 Nov 2021 12:11