Acqua azzurra acqua chiara…. per chi ce l’ha!

>

Purtroppo nonostante le belle parole che i responsabili del settore idrico “distribuiscono” a piene mani
resta evidente che molte  famiglie ragusane debbano confrontarsi con lunghe attese per la consegna dell’acqua tramite le autobotti comunali. Lo ha detto in consiglio Mario Chiavola  ricordando che le stesse sono costrette a ricorrere quotidianamente alle case di altri familiari per i servizi necessari. Ora, dice il consigliere del PD, sembra che il  Comune abbia solo due persone addette all’espletamento dell’attività in questione in quanto l’altro personale è impegnato con gli scuolabus. E’ dunque importante capire come si può intervenire ed individuare le soluzione per intensificare il servizio visto che prosegue l’emergenza. Siamo sempre in attesa che il collegamento con i pozzi dell’Asi possa dare i propri frutti con l’aumento dell’erogazione idrica . Nei giorni scorsi ci sarebbe stata una riunione tecnica per studiare, ad esempio, una diversa tabella oraria di apertura e chiusura delle saracinesche. A quanto pare le richieste di autobotti è diminuita e questo sta a significare che qualche errore era stato fatto. Ora crediamo che si debbano programmare interventi più lungimiranti in considerazione del fatto che non piove da tempo e comunque la politica del passato ha depauperato il fiume e le fonti a cui  la città si è sempre approvvigionata. Forse nei bandi europei non c’è questa voce ma ora sarebbe il caso di investire con fondi comunali per il bene di Ragusa.

di Direttore14 Ott 2021 09:10