Bonus per le strade del del Giro di Sicilia.

>

 

E’ davvero triste pensare che per aggiustare le strade siciliane ci vuole una manifestazione sportiva come il Giro di Sicilia in bicicletta.  Circa  sei milioni di euro per manutenzione straordinaria e ordinaria della viabilità secondaria di otto province siciliane. La manifestazione ciclistica  ripristinata nel 2019 si svolgerà dal 28 settembre al primo ottobre.
Come per ogni evento nella nostra regione ci si pensa sempre  all’ultimo minuto e diventa motivo di vanto il riuscire nell’impresa di fare progetti e avviare i cantieri in meno di una ventina di giorni.  Da Taormina a Gela, da Selinunte a Cefalù passando per la valle del Belice e Palermo, sui percorsi di queste tre tappe in tempi record verranno fatti lavori di messa in sicurezza, ammodernamento e ripavimentazione. La vergogna è che i siciliani, in pratica, non meritano di avere strade confortevoli e sicure. Almeno dopo il giro gli interventi andranno beneficio di utenti e territori.
Abbiamo anche il dettaglio delle somme previste per gli interventi di manutenzione viaria destinate a ciascuna provincia per ogni tappa del Giro di Sicilia:
Per la prima tappa che va da Agrigento a Siracusa passando da Caltanissetta Messina Catania e Ragusa ci sono più di 2 milioni  e mezzo di euro dei quali 545.000 a Ragusa. Per la seconda tappa  Trapani: 785 mila euro per la manutenzione della tratta da Selinunte a Poggioreale e Palermo un milione 330 mila euro per la tratta da Poggioreale sino a Mondello
Poi da sulla Palermo-Messina per  885 mila euro per la manutenzione della tratta da Termini Imerese fino a Caronia
di Direttore08 Set 2021 14:09