Dalla parte dei disabili

Quella dei disabili è una categoria di PERSONE, CITTADINI, con una vita fatta di bisogni particolari ed esigenze su misura, ma non per questo meritevole di poca considerazione. In questo senso l’Asp di Ragusa si è distinta con un’iniziativa lodevole: la direzione generale ha infatti approvato il progetto che tutelerà l’accoglienza, negli ospedali dell’Azienda, delle persone con disabilità attraverso un percorso speciale. L’idea, figlia del successo ottenuto con l’iniziativa “Mare senza frontiere, accesso alle spiagge senza barriere architettoniche”, è una ulteriore testimonianza dell’empatia e della meticolosità dell’azienda. A tal proposito è intervenuto il direttore Generale dell’Asp Angelo Aliquò: “Tutto è nato dal fatto che i tempi di attesa nei pronto soccorso sono lunghi; inoltre, la condizione di disabilità, soprattutto per persone non collaboranti, rende molto faticoso fare la prima diagnosi per l’assegnazione di un codice di intervento. Sono situazioni sempre molto difficili da gestire in una qualsiasi condizione d’attesa, considerando le complessità che si sommano quando la persona è in uno stato di sofferenza”. La modalità organizzativa del progetto è costituita da un percorso dedicato all’urgenza: inquadramento, valutazione breve e rivalutazione dei pazienti con la collaborazione dei medici di base. Le risorse umane sono rappresentate da: medici, personale infermieristico, OSA/OSS e volontari debitamente formati. Un’iniziativa nobile che merita un plauso per la dedizione che gli operatori dell’Asp mettono in campo a servizio di una categoria “fragile” ma non per questo destinata al dimenticatoio. I disabili sono persone, le persone sono risorse, le  risorse vanno tutelate.

di Stefano Ferrera13 Gen 2021 14:01