Prorogata la data di scadenza della consultazione online relativamente al Piano Urbano di Mobilità Sostenibile. Altro flop?

La consultazione online attivata dal Comune attraverso la piattaforma “Votofacile”, per conoscere l’orientamento dei cittadini relativamente al Piano Urbano di Mobilità Sostenibile si concluderà il 20 luglio prossimo e non il 30 giugno come prefissato inizialmente.

Il messaggio sembra chiaro, soprattutto dopo le ultime consultazioni popolari avviate dall’Amministrazione, che tante critiche hanno sollevato vista la scarsissima partecipazione dei diretti interessati: i cittadini. Sia chiaro, è precisa convinzione di chi scrive che le consultazioni on line e più in generale il coinvolgimento diretto della cittadinanza in determinate scelte, è una pratica virtuosa che va difesa e implementata. Forse, però, l’assessore Leggio e l’Amministrazione tutta non hanno ben capito come veicolare questo tipo di iniziative, rivoluzionarie per Ragusa.
Due sono le domande che i nostri amministratori dovrebbero porsi: i cittadini sanno di queste possibilità? E ancora, sono stati abbastanza sensibilizzati in merito?

Qualora le risposte, e non potrebbe essere altrimenti, fossero negative chi siede a palazzo dell’Aquila dovrebbe capire dove il progetto si sia inceppato. Perché qualcosa di sicuro non ha funzionato. Pensiamo al bilancio partecipativo, alla consultazione on line su piazza Cappuccini e adesso al progetto di una nuova mobilità. Le novità hanno sempre bisogno di tempo per essere capite e fatte proprie, non basta una conferenza e qualche comunicato per far attecchire nella gente un nuovo modo di pensare.

Prima di passare alle dichiarazioni dell’assessore Leggio in merito alla vicenda, vorremmo ricordare a chi gestisce la piattaforma “Votofacile”, che forse sarebbe opportuno aggiornarla, visto che alla sezione “Strategie di intervento del PUMS” si legge ancora la data del 30 giugno come fine votazione; o si è smart o non lo si è.

“Considerata l’importanza dell’argomento e l’interesse che i cittadini potrebbero avere a partecipare a tale innovativa consultazione online – dichiara l’assessore alla partecipazione dei cittadini e promozione della democrazia diretta, Gianluca Leggio – abbiamo ritenuto opportuno prorogare la data di scadenza che era stata fissata per il prossimo 30 giugno. Il PUMS infatti è uno strumento strategico che promuove una visione dell’assetto della mobilità di un territorio a medio-lungo termine. Elemento essenziale dello stesso è il trasporto pubblico urbano e per questo motivo l’Amministrazione comunale è interessata a conoscere l’opinione dei cittadini su quattro direttrici di intervento e precisamente: ZTL, Soste a Pagamento, piste ciclabili e bike sharing”.

di test27 Giu 2017 16:06