Il Consigliere Comunale del PD di Comiso, Salvo Liuzzo e la responsabile del Gruppo Donne Pd di Comiso, Giusy Brullo, proseguono la loro militanza a sostegno di Matteo Renzi

Il Consigliere Comunale del Pd di Comiso, Salvo Liuzzo e la responsabile del Gruppo Donne Pd di Comiso, Giusy Brullo, a poche ore dalla convenzione congressuale del PD di Comiso, che rappresenta la primissima fase del congresso che si concluderà con le primarie del prossimo 30 aprile, intervengono riguardo alla mozione congressuale che intendono sostenere: “In qualità di dirigenti del Partito Democratico, in questa fase storica importantissima per il nostro partito e la comunità che lo sostiene, riteniamo necessario raccontare la nostra posizione politica riguardo alla mozione che sosterremo. In occasione del congresso del 2013, abbiamo sostenuto con forza la mozione Renzi, mediante il quale si proponeva agli iscritti e simpatizzanti un partito nuovo, moderno, punto di riferimento imprescindibile del progressismo e riformismo europeo. Si proponeva una forza di governo vero, capace di assumersi la responsabilità di governare l’Italia con coraggio e concreto spirito decisionista . Riteniamo che quel disegno, quello di un partito capace di fungere da forza centripeta per gli altri partiti, in grado di dettare finalmente l’agenda politica nazionale, finalmente pronto a rappresentare anche e soprattutto gli ultimi, sia stato quasi del tutto realizzato.” Proseguono poi, Liuzzo e Brullo: “Naturalmente, ai grandi risultati inanellati dalla precedente segreteria, si affianca qualche defaillance che riteniamo vada affrontata e corretta. Un esempio su tutti è il mancato radicamento del partito nei territori, dove il partito risulta essere punto di riferimento non tanto come struttura politica ma come forza di governo delle città amministrate dai sindaci del Partito Democratico. Bisogna puntare sulle segreterie locali, sulla classe dirigente che opera nei territori e nelle “sezioni”, che devono tornare ad essere luoghi di incontro, confronto politico e dibattito. Insomma, riteniamo necessario che il partito torni ad essere punto di riferimento insostituibile non solo sul livello nazionale ma pure e soprattutto sul piano locale”. Infine, concludono Liuzzo e Brullo: “Il disegno Renziano di rilancio e cambiamento del partito è stato compiuto. Per questo riteniamo di dovere tornare a sostenere la mozione Renzi, ripercorrendo il percorso politico che ci ha visti, in questi anni, a fianco del Sottosegretario alla Salute, On. Davide Faraone, particolarmente impegnato nelle ultime settimane in una significativa e interessante serie di iniziative itineranti in giro per la Sicilia che sono diventati luogo di approfondimento di argomenti direttamente legati alla politica, come la cultura, il problema delle infrastrutture siciliane, lo sviluppo dell’economia Siciliana e il ruolo fondamentale svolto dalle imprese”.

di Redazione01 Apr 2017 12:04