Conferenza a Modica su Moneta Complementare di uso Locale

Si è svolta Sabato scorso a Modica, presso la Fondazione Grimaldi, la seconda conferenza del Ciclo di incontri organizzato dal Comune di Modica su Moneta Complementare di uso Locale.
Sono stati presenti all’incontro il Sindaco di Modica Abate, l’Assessore al Bilancio Enzo Giannone; hanno partecipato e sono intervenuti il presidente del Consiglio Comunale di Modica Roberto Garaffa, il consigliere comunale di Ragusa Carmelo Ialacqua, la consigliera comunale di Ragusa Mariarosa Marabita, come diretta interessata all’iniziativa. Hanno relazionato sulla tematica:
– Il prof. Uccio Barone, Storico e presidente della facoltà di Scienze Politiche di Catania, il quale ha messo in evidenza la concomitanza storica di monete nel nostro territorio, riportando che in un periodo ne circolavano addirittura cinque; ha posto l’accento sulla opportunità che può offrire l’utilizzo di una Moneta aggiuntiva anche per gli enti Comunali attuali.
– Il Prof. Tonino Perna, calabrese, che insegna Sociologia Economica all’università di Messina, il quale dopo un veloce escursus sulla storia della Moneta e dell’euro, ha mostrato materialmente i biglietti di Moneta Locale, che ha fatto stampare direttamente dalla Zecca dello Stato a Roma, al fine di farli circolare nei Comuni contigui al parco, quando è stato presidente del Parco dell’Aspromonte. I biglietti sono stati utilizzati nei 14 Comuni adiacenti fin quando la zona del parco è stata sotto la sua direzione, ed ha riferito riscuotevano un grande successo, anche di identificazione culturale, nel periodo in cui sono stati utilizzati. Il prof. Perna si è reso disponibile nei confronti del Comune di Modica per ulteriori consulenze, data la sua esperienza.
– Giancarlo Palazzolo Delegato del Comune di Modica sul tema, curatore delle iniziative. Ha messo in evidenza la inadeguatezza di utilizzare un solo strumento monetario, l’euro, pensato e gestito a misura delle grandi entità economiche, e che poco si adatta alle esigenze della piccola economia locale; per cui sarebbe utilissima la concomitanza di una Moneta a fianco dell’euro. Una Moneta Locale spinge, come avviene dove vengono già utilizzate, i beni prodotti localmente ad una impennata di appetibilità, rispetto a quelli di importazione nel territorio.
– L’assessore Enzo Giannone ha parlato delle varie fasi di studio svolte dal piccolo staff, costituito assieme con Giancarlo Palazzolo e con il presidente della commissione Bilancio del Comune Luigi Giarratana. Ha precisato che si è scelto un procedere lento, oculato, per tenere conto di tutti i parametri possibili ed evitare passi falsi; solo dopo è stato deciso di proporre pubblicamente l’iniziativa con questa serie di manifestazioni e Convegno.
– Il Sindaco Abbate ha precisato che non si deve vedere questa iniziativa come una attività esclusivamente modicana o di controllo della stessa da parte di Modica, e che si augura anzi che molti Comuni possano aderire ad un percorso condiviso, che sta solo partendo dal Comune di Modica, come apripista. Egli ha dichiarato che vede molte opportunità per gli enti comunali nel poter utilizzare una Moneta che si può spendere solo in loco. Una fra tutte la adattabilità al Prestito d’Onore che ha già da anni messo in rotazione prestando alle famiglie disagiate una piccola somma senza interessi.
Il prossimo appuntamento, è stato ricordato, sarà il venerdi 21 aprile, nel quale sarà presente uno dei più grandi economisti il Prof. Nino Galloni, che spiegherà come i Comuni possono utilizzare mezzi monetari al momento poco conosciuti. Assieme a Galloni sarà presente anche Paolo Tintori, responsabile della piattaforma di gestione dei flussi, denominata Rete di Mutuo Credito, di Moneta Complementare; il quale spiegherà praticamente, ed illustrerà anche con dei video, il preciso funzionamento di una Moneta Locale.
La data del venerdi 21 aprile sarà un Convegno rivolto più a Sindaci, ammininstratori pubblici, ecc…, anche se il pubblico è ammesso all’incontro.
La ulteriore data di domenica 23 aprile sarà più rivolta a Commercianti, Artigiani, Professionisti, Confederazioni, Privati Cittadini. Nel quale incontro, dopo le spiegazioni di Galloni e Tintori, si potrà interloquire e chiedere liberamente su dubbi e perplessità.
Una serie di semplici considerazioni, come anche dichiarato più volte durante la conferenza, portano facilmente a fare intuire che gli enti locali, senza l’ausilio di mezzi monetari paralleli di cui potersi dotare, le Monete complementari Locali, si trasformeranno in degli uffici di sequestro dei beni dei cittadini, fra ganasce ai mezzi e ipoteche sugli immobili.

di Redazione10 Apr 2017 11:04