Amministrative Pozzallo. Affissioni selvagge. Il Pd di Pozzallo: "Il Comitato elettorale di Roberto Ammatuna ricade in un vecchio vizio della politica. Corra subito ai ripari"

Siamo alle solite. Peccato! Cos’è vecchia politica? Cos’è menefreghismo per la cosa pubblica? Per il decoro urbano? Per le leggi? Per i nostri concittadini e per i nostri turisti?
Non lo sappiamo. Di sicuro non è uno spettacolo che avremmo voluto vedere, di sicuro non pensavamo di doverci ritrovare a denunciare antichi vizi, di una politica dalla quale prendiamo decisamente le distanze. Quella delle affissioni selvagge è un malcostume che pensavamo fosse stato archiviato da tempo e invece no, le cattive abitudini, come si suol dire, sono veramente dure a morire.
Potevamo aspettarci un tale errore da tutti, ma non da un ex amministratore, da un candidato a sindaco che si vanta dei suoi trascorsi amministrativi.

E’ più che giustificabile la voglia di esserci, di primeggiare, di riuscire a comunicare, prima e meglio degli altri, il proprio messaggio politico, in fondo parliamo di una competizione elettorale. Naturalmente tutto ciò deve avvenire sempre e solamente nel totale rispetto delle regole e delle leggi vigenti.
Certo, la campagna elettorale sta entrando nel vivo e di sicuro, più passerà il tempo, più ci avvicineremo al giorno delle elezioni, più aumenterà la stanchezza e il nervosismo dei candidati in corsa, vogliamo sperare, però, che ciò non pregiudichi, mai e poi mai, un confronto serio, maturo e a viso aperto tra le coalizioni e i candidati. Questo è il nostro auspicio.
Infine, ci permettiamo di dare un consiglio ai nostri amici del Comitato elettorale di Roberto Ammatuna: sarebbe opportuno che loro, nel più breve tempo possibile, rimedino, a loro spese, a questo “incidente” di percorso. Non vorremmo che fosse il Comune a dover rimediare agli errori altrui e ovviamente a spese di tutta la cittadinanza, il Comune di Pozzallo deve occuparsi d’altro.

di Redazione17 Apr 2017 14:04