Passalacqua: a Napoli bis per Gianni Recupido

Subito dopo la stravittoria con Schio, la trasferta di Napoli col quinto posto da strappare al quintetto di Nino Molino valeva da attendibilissimo test per la panchina di Gianni Recupido, chiamato all’indispensabile continuità dopo l’impresa casalinga con le campionesse d’Italia. Il coach (e la squadra) hanno superato l’esame alla grande, vincendo in maniera più netta di quanto possa far supporre lo striminzito scarto e, soprattutto,superando benissimo la paura degli ultimi trenta secondi. Trenta secondi appena, diciamolo subito, però sarebbe stato assurdo, e molto criticabile, gettare alle ortiche la superiorità messa in mostra per tutta la gara.  Gianni Recupido ha ragione, la cattiveria (nel senso di assestare il colpo fatale quando ne hai l’occasione) deve diventare parte integrante del DNA della squadra, non si può (e non si deve) rischiare contro chi hai praticamente messo sotto, non gli si deve dar modo di rialzare la cresta e mettere in discussione trentanove minuti e mezzo di sudditanza. Attimi, comunque, non di più: poi tutto è andato com’era giusto che andasse con la conquista del quinto posto: non è moltissimo, ma è di sicuro un importante passo sulla strada del completo recupero di posizioni e di immagine. In settimana, durante la presentazione alla stampa, Gianni aveva detto che la squadra “al completo”era in grado di giocarsela con chiunque per lo scudetto; se continua così, potrà dire molto anche con una delle quattro straniere in tribuna, affidandosi allo spessore del gruppo, alla voglia ed alla serenità ritrovate, e, come ricordato dallo stesso presidente Gianstefano, all’eccellente “lascito” del predecessore Gianni Lambruschi. Al quale, con un miniscoop offerto ai giornalisti, ha rivelato di aver offerto di rimanere con un altro ruolo e di attendere a breve risposta al riguardo. Domenica è rimasta in tribuna Laura Nicholls, la prossima volta, al PalaMinardi con Vigarano per l’ultima in casa della regular season, potrebbe toccare ad un’altra: cambia poco, l’importante è mantenere la concentrazione, la determinazione ed il clima che si respira tra le aquile. Per il resto aspettiamo i play off, che tutti definiscono una lotteria: non hanno torto, ma non dimentichiamo che sono sempre e solo le tue mani ad estrarre il numero vincente. Tabellino. Saces Mapei Givova Napoli 63 – Passalacqua Ragusa 66 – PARZIALI: 13/14-26/31-46/49 – NAPOLI: Pastore, Cinili 11, Carta 4, Chesta 2, Gonzalez 5. Dentamaro ne, Sorrentino ne, Gray 19, Gamelos 12, Plaisance 10. Allenatore Molino. – RAGUSA: Larkins 10, Consolini 10, Gorini, Valerio, Spreafico 6, Formica 10, Bagnara 2, Brunetti ne, Vanloo 13, Ndour 15. Allenatore Recupido.- ARBITRI: Maffei di Preganzol, Marziali di Roma e Bandinelli di Murlo.

 

di Gianni Papa13 Mar 2017 09:03