“Rimodulazione quota avanzo vincolato". Una dichiarazione del presidente del Consiglio comunale Antonio Tringali

In riferimento all’approvazione da parte del Consiglio Comunale nella seduta di ieri della “Rimodulazione delle quote di avanzo vincolato”, si registra una dichiarazione del presidente del Consiglio Comunale Antonio Tringali che di seguito si riporta.
“Considero tale intervento posto in essere dall’assise comunale per un totale di oltre 16 milioni di euro, un atto tra i più caratterizzanti esitati da questo civico consesso, grazie al lavoro sinergico compiuto in occasione dell’ultima seduta.
La ‘Rimodulazione Quota Avanzo Vincolato’ è stato votato a maggioranza anche con il voto positivo espresso dal gruppo Insieme e con senso di responsabilità posto in essere dai consiglieri delle minoranze che si sono astenuti sul voto.
Mi preme sottolineare con grande soddisfazione, l’attenzione, la sensibilità e il grande senso di responsabilità che ciascun consigliere comunale, a prescindere dall’appartenenza politica, ha mostrato nel corso del dibattito e nel momento finale della votazione dell’atto. I numeri dimostrano l’importanza strategica di tale atto: la quota di avanzo vincolato non applicata al bilancio è infatti pari a 16.231.813,79 euro che scaturisce in parte dalle Economie di lavori e spese generali ed in parte dalla mancata realizzazione di opere pubbliche in corso di progettazione e/o appalto. Nello specifico parliamo di 11.506.707,77 euro in quota a Opere pubbliche in corso di progettazione ed acquisizioni; 4.375.834,20 euro relativi a Economie lavori già realizzati e progetti non più eseguibili; 349.271,82 euro per Economie spese generali per Commissione Centri Storici, Ufficio Centri Storici e spese per il personale. Con la votazione registrata si procederà alla conferma per la realizzazione delle opere già deliberate in cui figurano, per le somme più considerevoli, il finanziamento integrativo per il Teatro ex Concordia, e i restauri dei palazzi Sortino-Trono ed Ex Cancelleria. Tra la programmazione di nuove opere figurano, tra le diverse voci, il restauro della chiesa Santa Maria dei Miracoli, il completamento dei lavori di riqualificazione della Vallata Santa Domenica ed ancora il completamento e la sistemazione del passaggio pedonale tra piazza San Giovanni e via Mario Rapisardi. E’ del tutto evidente la concertazione a 360° relativamente alle progettualità riferibili, nella sua totalità, ai piani di spesa della legge su Ibla. Aver esitato un atto così importante e soprattutto, mi permetto di aggiungere, aver lavorato in grande sintonia, puntando sulla convergenza di intenti, hanno consentito di raggiungere l’obiettivo per tutta la nostra collettività. Ciascun consigliere, che mi permetto di ringraziare personalmente, ha fatto il proprio dovere di rappresentante delle Istituzioni e di cittadino guardando soltanto ed esclusivamente al bene superiore di tutti. Il mio auspicio è che questo modo di lavorare e produrre possa essere lo strumento a cui ricorrere sempre più spesso in questo ultimo anno di legislatura per lasciare alla città e ai nostri concittadini strumenti utili di programmazione e sviluppo”.

di Redazione17 Feb 2017 19:02