Dove andranno a finire?

provincia_di_Ragusa_S1Il personale delle province andrà in giro nei  vari comuni alla ricerca di un posto dove sedere . Infatti non è assolutamente chiaro come ci si compertarà su questa questione. il segretario Cisl Bernava dice: “Crocetta ci convochi, è urgentissimo un provvedimento attuativo coerente che indichi modalità e tempi nei quali personale e servizi in capo alle Province dovranno essere trasferiti a Comuni e Regione”
“Il provvedimento per abolire le Province è una scelta politica giusta e positiva, che la Cisl condivide”. A dirlo è Maurizio Bernava, segretario generale regionale Cisl, che da Siracusa dove ha parlato al congresso della nuova Cisl unificata di Ragusa-Siracusa, interviene sul tema della soppressione degli enti locali intermedi, rivendicata da tempo dal sindacato. Bernava pone l’accento sui passaggi che dovranno seguire, “immediatamente”, al varo della legge di adozione. Perché fatta la legge, “è urgentissimo – afferma – emanare un provvedimento attuativo coerente, che indichi modalità e tempi nei quali personale e servizi in capo alle Province, dovranno essere trasferiti a Comuni e Regione”. Questo passaggio, per la Cisl, “va accompagnato” con il confronto con le organizzazioni dei lavoratori. “È questo passaggio – avverte il segretario – il cuore della strategia di superamento delle Province”. Bisogna evitare, incalza Bernava, il rischio che la costituzione di consorzi di Comuni, sia pure di natura non elettiva, finisca col degenerare in una “moltiplicazione di nuovi enti intermedi”. Pertanto, “confidiamo – ripete – che il presidente Crocetta ci convochi subito, per dare rapidamente soluzione, assieme, a una vicenda per la quale tutto il Paese ci sta guardando”. Noi invece confidiamo ben poco. Temiamo che per questi dipendenti si prospettino tempi davvero duri: oggi i comuni sono assolutamente in crisi e tutti hanno personale in esubero o precari da stabilizzare. Figuratevi se vogliono altri impiegati.
di Redazione20 Mar 2013 23:03