Giravano armati di mazza di legno e coltello

coltelloNon sono passati inosservati alla Volante gli occupanti di una Fiat Punto che viaggiavano in centro a Vittoria. Insospettiti dal loro atteggiamento gli agenti li hanno fermati e sottoposti ad un accurato controllo. Prima è emerso che i tre occupanti del veicolo erano pregiudicati residenti a Pachino, poi hanno proceduto ad una accurata perquisizione del veicolo e personale. Gli agenti hanno così rinvenuto nella tasca del giubbotto di Z.R. 26enne, un affilatissimo coltello, e la stessa arma hanno rinvenuto nelle tasche del giubbotto di I.S, 19enne, mentre nel bagagliaio dell’auto è stata rinvenuta una mazza in legno. I tre soggetti non sono stati in grado di fornire alcuna spiegazione circa la loro presenza a Vittoria ed il possesso delle armi bianche e pertanto sono stati denunciati all’A.G. per porto in luogo pubblico, senza giustificato motivo di armi. L’autovettura è stata sequestrata perché risultata priva della copertura assicurativa. Nei confronti dei tre è stato avviato il procedimento per l’adozione del provvedimento del Divieto di Ritorno nel comune di Vittoria. Tale atto amministrativo, già contemplato nella vecchia legislazione è stato nuovamente previsto dal Codice Antimafia. Si tratta di una misura di prevenzione che può essere adottata solo dal Questore, cui tutte le forze di Polizia devono trasmettere le dettagliate istruttorie perché, quale Autorità Provinciale di Pubblica Sicurezza possa adottare il provvedimento di divieto.

di Redazione19 Feb 2013 09:02