Assenza interroga per Comiso

assenzaGiorgio Assenza il neo deputato del PDL, comisano DOC, non perde tempo ed interviene sulla vicenda dell’aeroporto di Comiso presentando in pool con il collega di partito Pogliese di recente o eletto v.presidente dell’ARS una interrogazione scritta. Assenza sa benissimo che lo status di deputato regionale non è solo una beata condizione di comodità e autorevolezza ma lo obbliga ad avanzare delle richieste precise che necessitano di risposte certe. Forse, oggi, sarebbe stato più opportuno chiedere a Crocetta cosa intende fare con il CdA della SAC, che è ancora in alto mare, in attesa delle decisioni della politica. Il rinvio dell’assemblea dei soci al prossimo 29 dicembre fa temere che la logica della politica e le appartenenze stiano giocando una partita titanica con enormi interessi in campo. Ma ecco il testo dell’interrogazione presentata nei confronti del Governatore Crocetta, dell’Assessore per le Infrastrutture e della Mobilità e dell’Assessore per le Attività Produttive. I due deputati chiedono al Governo della Regione di attivarsi per portare alla piena operatività l’aeroporto “Gen. Vincenzo Magliocco” di Comiso e nello specifico per l’inserimento dello stesso nel novero degli aeroporti di interesse nazionale per scongiurarne il definanziamento da parte dell’UE. La mancata immediata operatività dell’aeroporto, secondo quanto scritto da numerosi organi di stampa, potrebbe determinare l’apertura di una procedura di infrazione con il conseguente possibile rischio di una richiesta di restituzione dei fondi messi a disposizione dall’UE, che ha stanziato circa 20 milioni di euro di fondi strutturali per la costruzione dell’aeroporto in questione. Sempre dalla stampa si apprende che il Governo nazionale vuole ridurre gli aeroporti di interesse nazionale a non più di una trentina, con ciò ventilando il rischio che il “Magliocco” di Comiso verrà considerato aeroporto regionale con conseguenti oneri a carico della Regione Sicilia. “Considerato – scrivono i due Parlamentari – che l’aeroporto di Comiso rappresenta un imprescindibile tassello per la piena funzionalità del trasporto aereo regionale ed una infrastruttura di grande importanza in una zona con il più basso tasso di infrastrutture di tutta la Regione e che, secondo quanto espresso nella bozza di piano nazionale dei trasporti commissionata ed approvata da ENAC, Comiso, nell’ottica di un sistema integrato con l’aeroporto di Catania è funzionale e fondamentale per il trasporto nazionale, sia come alternato a Fontanarossa, in caso di particolari eventi climatici o di eruzione dell’Etna, sia perché le stime del trasporto aereo siciliano nel prossimo ventennio si potranno raggiungere solo se saranno funzionanti i quattro aeroporti dell’isola, Comiso compreso, è fondamentale che lo stesso venga inserito nel piano nazionale del trasporto aereo di prossima emanazione”. Assenza dunque affronta la questione girandoci intorno e paventando la perdita dei finanziamenti. Non c’è in verità questo pericolo ma spesso serve fare un pò di paura per ottenere qualche risposta. Vedremo come finisce.

di Redazione22 Dic 2012 11:12