Calcio: il Ragusa a Palazzolo nella sfida dei tanti ex

photorgIl Ragusa va a Palazzolo con nove punti di vantaggio sui locali, che sperano nella cabala per il fresco cambio di panchina, ma la migliore classifica non basta a rendere meno delicata e difficile una gara con altissimo numero di ex: quasi tutti (dieci con Romeo, più il dg Cassarà e mister Anastasi) in azzurro, dato che tra i locali c’è solo Costanzo e l’appena arrivato tecnico Orazio Pidatella.

La sfida di Palazzolo (arbitro Lombardo di Sesto San Giovanni) unisce quindi ai notevoli significati di classifica per entrambe le squadre, la voglia di rivalsa, più o meno forte, in sette-otto azzurri: con chiari aumenti nell’interesse del pubblico, della tensione e dalla voglia di darsi da fare dei giocatori. Il Ragusa, che continua a patire troppe squalifiche, anche a Palazzolo sarà privo di due dei tre difensori centrali (Alderuccio e Fontana): pertanto mister Anastasi, al rientro dopo tre gare di squalifica, dovrà impigare di nuovo Gona centrale. In più c’è la tegola (due mesi di assenza) dell’intervento cui dovrà sottoporsi Antonio Crucitti,  “toccato” duro col Paternò col conseguente riacutizzarsi dell’infortunio patito in Coppa Italia a Licata. Inevitabile, a questo punto, il ritorno sul mercato alla riapertura delle liste, del resto già annunciato dal dg Franco Cassarà: ormai rimane solo Panepinto in una rosa divenuta troppo ridotta per non richiedere “trasfusioni”. Tenendo conto dei rientri di Ferla e Raimondi, degli assenti e della scontata conferma della squadra delle ultime giornate, probabile un Ragusa con Ferla in porta, Piluso, Gona, Raimondi e Milazzo in difesa, Buscema, Foderaro e Bonarrigo a centrocampo, Arena e Spampinato esterni, Panatteri punta. In panchina Falco, Panepinto, Nassi, Di Vita, Alma, Caffarelli e Madera.

di Redazione03 Nov 2012 16:11