Prefettura: controlli propaganda elettorale

manfesticopertiSi è tenuta ieri mattina in Prefettura, su precisa disposizione del Prefetto, Giovanna Cagliostro, quella dello scorso 8 ottobre, una nuova riunione con i Sindaci, i Segretari Generali dei Comuni della provincia, i Comandanti della Polizia Municipale, i rappresentanti delle formazioni politiche e dei candidati, ed alla presenza delle Forze dell’Ordine per ribadire le disposizioni di legge che regolamentano il procedimento della propaganda elettorale, e fare il punto della situazione a seguito delle numerose segnalazioni in merito all’affissione dei manifesti di propaganda elettorale.

Nell’occasione è stata richiamata ulteriormente l’attenzione dei rappresentanti degli enti locali al fine di vigilare sulla immediata defissione dei manifesti affissi al di fuori degli spazi consentiti e sulla rimozione di ogni altra affissione abusiva. Sono state inoltre nuovamente rammentate le sanzioni amministrative connesse ai comportamenti illeciti nonché le conseguenti sanzioni penali nelle ipotesi acclarate di inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità. E’ stato anche sottolineato, che a seguito delle disposizioni impartite dal Prefetto in sede di riunione tecnica di coordinamento interforze dello scorso 8 ottobre, sono state intensificate le attività di prevenzione e di repressione mentre, in sede di tavolo tecnico appositamente convocato dal Questore, è stata impressa massima implementazione ai controlli interforze volti a contrastare il mancato rispetto della regolamentazione degli spazi elettorali. I rappresentanti dei comuni, presenti all’incontro, hanno assicurato che quotidianamente è stato provveduto alla rimozione o alla copertura dei manifesti irregolarmente posizionati mediante le squadre di defissaggio che operano congiuntamente alle pattuglie della polizia municipale. Sono stati altresì comunicati i dati finora disponibili in termini di violazioni accertate a carico dei candidati /committenti, fra gli altri, circa 200 in Ragusa, 216 in Vittoria, 228 in Modica ed è stato evidenziato che sono in corso di notifica anche atti di diffida volti a rimuovere qualsiasi tipologia di affissione non consentita, comprese quelle che si trovano posizionate all’esterno delle sedi dei partiti e dei comitati elettorali. Per assicurare massima correttezza alla attività connessa all’affissione dei manifesti dei candidati negli spazi elettorali già oggetto di ripartizione da parte dei comuni, è stato raccomandato ai Segretari Generali di vigilare affinchè gli addetti alle affissioni osservino strettamente l’ordine di assegnazione di ciascuna lista regionale e provinciale partecipante alla competizione elettorale, curando la copertura di quei manifesti che coprono spazi assegnati anche ad altre liste. Da parte loro, i delegati dei gruppi politici presenti si sono ulteriormente impegnati a rispettare la normativa in materia curandone la massima diffusione fra i propri sostenitori ed aderenti. Gli stessi sono stati invitati, nell’ambito di un democratico rapporto di collaborazione, a volere segnalare agli uffici comunali qualsiasi occupazione illegittima degli spazi elettorali, in modo da consentire l’immediato intervento delle squadre di defissione e scoraggiare persistenti comportamenti di violazione delle norme. A conclusione dell’incontro, è stato espresso da più parti l’auspicio di un miglioramento delle norme sulle affissioni anche mediante opportune integrazioni ai regolamenti comunali.

di Redazione20 Ott 2012 08:10