“I teatri di Pietra”: male la prima!

mezzagnoneLettera aperta di Raffaele Agnello presidente dell’associazione culturale “Città del Sole” ed ex direttore artistico di “Kaucana Art”:
Ben meritevole l’intenzione dell’amministrazione comunale di Santa Croce Camerina, nonostante l’attuale periodo di crisi economica, di volere continuare nel 2012 l’edizione dei “Teatri di Pietra”.

Non entro nel merito del dramma rappresentato e a mio parere ben interpretato e rappresentato con una buona colonna sonora. Il FLOP della mancata presenza di pubblico è dovuta a diversi fattori;
l’organizzazione di tali eventi non può essere affidata al caso o a tecnici che curano il minimo indispensabile per rendere agibile (?) il sito.
Spettacolo-sito-spettatori, devono essere amalgamati, curati con passione, competenza e amore.
I contenuti dello spettacolo devono essere vagliati a priori ed appropriati alle esigenze e alle caratteristiche del sito e del pubblico a cui è rivolto.

La location deve essere preparata con attenzione, specialmente quando si tratta di siti di notevole importanza archeologica.
Gli spettatori devono essere informati, affascinati, interessati e resi protagonisti..
Le luci, l’acustica, la transitabilità, la collocazione di ogni minimo dettaglio, vanno provati e riprovati nei giorni precedenti. In reperto archeologico di tale valenza non può essere occultato da un gazebo-spogliatoio e da uno scarno palcoscenico.
Il “Bagno” orgoglio dei camarinesi, DOVEVA essere incastonato in una cornice degna della sua pregevolezza.
Triste, per me, vedere due file di posti riservati, completamente vuoti e i pochi spettatori e gli attori smarriti e imbarazzati.
La sovrintendenza e l’amministrazione, solleciti nel completamento dei lavori dovevano impedire tali fatti.
Ringrazio il sindaco, Franca Iurato e l’assessore al ramo, Rosa Varcadipane, per la gentilezza con cui mi hanno invitato e non devono volermene per la critica che vuole essere costruttiva e prepositiva. La pochissima partecipazione di pubblico non va attribuita alla concomitanza di eventi ma, diciamolo francamente è da imputare ai motivi predetti.
Nel recente passato, gli eventi di “Kaucana Art” si sono sempre svolti in concomitanza di altri eventi ma il pubblico ha sempre premiato la manifestazione e gli archivi stampa vanno a conferma di quanto da me espresso, non si può fare passare il messaggio “i cittadini di Santa Croce antepongono spettacoli leggeri alla cultura classica”. La verità è che amano gli uni e gli altri
Per quanto mi riguarda, in qualità di presidente dell’associazione “Città del Sole” ed ex direttore artistico di “Kaukana Art”, ho già fatto presente a componenti di questa giunta (essendo tra l’altro in atto una convenzione tra l’associazione e il comune fino al 2016) e allo stesso direttore del parco che sono disponibile a fornire piena collaborazione e sarò onorato di dare il mio contributo di esperienza, sacrificio, anzi di amore per la cultura e l’arte… Specialmente per quanto riguarda il nostro patrimonio artistico. Invito l’amministrazione a utilizzare le non poche risorse volontarie dell’associazione dedicata a Lucio Mandarà uno dei promotori della manifestazione che ha ospitato i “Teatri di Pietra” inoltre sarò lieto di offrire il suo ultimo lavoro di sceneggiatura dedicato proprio alla nostra amata Santa Croce.

di Redazione13 Ago 2012 17:08