Reteiblea

La Polizia controlla il territorio. Alcuni consigli utili

Agosto 15
18:202013

polizia_biciLa Squadra Volanti, i Poliziotti di Quartiere e la Squadra Nautica della Polizia di Stato sono già scesi in campo per eseguire quanto predisposto dal piano straordinario di controllo del territorio “Ferragosto Sicuro Sicuro 2013”, lungo tutta la fascia costiera e nella città di Ragusa, al fine scongiurare spiacevoli episodi ai cittadini ed ai tanti turisti presenti. Sono già iniziati i controlli lungo tutta la fascia costiera da parte degli equipaggi delle Volanti, dei Poliziotti di Quartiere e dalle unità navali della Squadra Nautica della Polizia di Stato. Novità per questa estate è la presenza dei Poliziotti di Quartiere nell’area pedonale di Marina di Ragusa che garantirà il servizio anche nei giorni festivi, al fine di prevenire ogni fatto illecito, sia di tipo penale che amministrativo, difatti, continueranno i controlli finalizzati a far rispettare l’ordinanza sindacale ai titolari degli esercizi commerciali ed agli avventori. I Poliziotti di Quartiere avranno a disposizione due biciclette, così da poter offrire un ulteriore affidabile servizio, comunque di maggiore visibilità, aumentando la percezione di sicurezza e mostrando una raffinata sensibilità per il rispetto dell’ambiente che in questi giorni ha riscosso il plauso dei residenti. Sono già numerosi gli interventi effettuati dagli equipaggi della Squadra Volanti, lungo tutta la fascia costiera e sino a ieri è stata sventata una rissa e sono stati segnalati 4 giovani assuntori di sostanze stupefacenti. Inoltre nella decorsa notte è stato denunciato un giovane per danneggiamento in quanto ha mandato in frantumi il vetro di un auto, con molta probabilità perché aveva fatto uso di alcol. La Squadra Nautica, in servizio presso il porto di Marina di Ragusa, dove è stato realizzato un ufficio distaccato per il controllo del territorio, sarà operativa in questi giorni di festa e garantirà una presenza straordinaria al fine di prevenire ed eventualmente reprimere condotte illecite dei diportisti e nella malaugurata ipotesi si occuperà del soccorso dei bagnanti in difficoltà .

Numerosi a tal uopo gli interventi in mare effettuati in questi giorni, sia di soccorso che di sanzione degli indisciplinati. Continuano le verifiche delle unità da diporto per verificare lo stato di efficienza delle dotazioni di bordo, così da rilasciare il “Bollino Blu” che attesta il superamento dei controlli.

 

Si consigliano tutti i bagnanti di non lasciare incustoditi in spiaggia oggetti di valore, poiché basta una distrazione ed i malviventi possono approfittare anche di un breve lasso di tempo per appropriarsi degli personali. Inoltre si richiede a tutti i villeggianti di vigilare sugli effetti personali dei “vicini d’ombrellone” così da poter scongiurare eventuali furti e segnalare il tutto alla Polizia di Stato.

 

Al fine di prevenire i furti in abitazione, che spesso vengono lasciate incustodite nel periodo estivo, verranno intensificati i controlli anche in città e nella zona turistica di Ragusa Ibla, meta di tanti turisti.

La Polizia di Stato continuando a percorrere la “strada” della sicurezza partecipata, domanda a tutti i cittadini di segnalare tempestivamente al 113 ogni anomalia, confidando nella pronta risposta da parte degli uomini della Squadra Volanti ed a tal uopo vengono di seguito elencati i consigli per prevenire i furti in abitazione.

 

Per prevenire i furti in casa durante le assenze per brevi periodi:

  1. chiudere sempre la porta a chiave e non lasciare le chiavi sotto lo zerbino, dentro un vaso o in altri luoghi alla portata di tutti;
  2. ricordarsi che i messaggi sulla porta dimostrano che in casa non c’è nessuno;
  3. consegnare gli oggetti di valore e quelli non trasportabili (ad esempio quadri e argenteria) a persone fidate per la custodia e provvedere, comunque, a fotografarli: in caso di furto se ne faciliterà la ricerca;
  4. sensibilizzare i vicini affinché vi sia reciproca attenzione ai rumori sospetti sul pianerottolo o nell’appartamento; nel caso non esitare ad avvisare il 113;
  5. se al ritorno a casa si trova la porta aperta o chiusa dall’interno non entrare, ciò potrebbe provocare una reazione istintiva del ladro che si vede scoperto. Provvedere, invece, ad allertare subito il 113.

 

 

Per le assenze per lunghi periodi:

  1. non far sapere ad estranei i programmi dei viaggi o delle vacanze;
  2. installare, ove possibile, un dispositivo automatico che, ad intervalli di tempo, accenda le luci, la radio, la televisione;
  3. evitare l’accumularsi di posta nella cassetta delle lettere chiedendo ad un vicino di ritirarla;
  4. non divulgare la data del rientro e, anche alla segreteria telefonica, non dare informazioni specifiche sulla assenza.

In via generale, per una abitazione sicura:

  1. rendere sicure porte e finestre; l’ideale è una porta blindata con serratura antifurto e spioncino;
  2. installare in casa, ove possibile, un sistema di antifurto elettronico o vetri antisfondamento.
  3. E’ sempre valido il ricorso alle grate metalliche purché siano robuste e lo spazio tra le sbarre non superi i 12 cm, soprattutto ai piani bassi;
  4. proteggere l’interruttore della luce all’esterno con una cassetta metallica per impedire che qualcuno possa staccare la corrente;
  5. non tenere in casa grosse somme di denaro, gioielli o oggetti di valore; la luce e i rumori tengono lontano i malintenzionati.
  6. Se si è soli in casa tenere accesa la luce in due o più stanze per simulare la presenza di più persone e tenere la porta protetta con il paletto o la catena di sicurezza. Se si è in pericolo chiamare subito il 113;
  7. per la riproduzione di una chiave di ingresso dare incarico a una persona di fiducia evitando, possibilmente, di riportare sulla targhetta nome e indirizzo;
  8. se si perde la chiave di casa o si subisce un furto o un borseggio, cambiare la serratura;
  9. assicurarsi, uscendo o rientrando, che la porta di casa o il portone del palazzo restino ben chiusi;
  10. di notte, durante il sonno, non lasciare finestre o balconi aperti poiché è molto più pericoloso quando il malvivente entra in casa mentre i proprietari stanno dormendo.

Per completare questa serie di consigli, fare attenzione agli sconosciuti: non aprire la porta a persone non familiari, anche se dichiarano di essere dipendenti di aziende di pubblica utilità. Verificare sempre con una telefonata da quale servizio sono stati inviati gli operai che bussano alla porta e per quali motivi. Se non si ricevono assicurazioni non aprire. Ricordare che nessun ente manda personale a casa per il pagamento delle bollette, per rimborsi o per sostituire banconote false date erroneamente. Per qualunque problema e per chiarire qualsiasi dubbio non esitare a chiamare il 113; non mandare ad aprire i bambini a meno che non si abbia la certezza della identità della persona che vuole entrare; non aprire il portone o il cancello automatico se non si è sicuri della persona che vuole entrare.

About Author

Redazione

Redazione

Related Articles