Che confusione.. sarà perchè non hanno idea di cosa fare!

< class="t-entry-title title-giornale-before h3">>

L’assessore Tamajo va in giro per la Camere di Commercio senza però aver cercato di sanare una situazione molto confusionaria che andrà a peggiorare sempre di più.  L’assessore  ha  concluso la prima tappa del tour delle nove province siciliane presso le Camere di Commercio che oggi ha toccato le sedi di Catania e Messina. L’appuntamento per Ragusa è fissato al 2 febbraio prossimo. Nell’invito rivolto agli operatori  iblei si parla di fotovoltaico e bonus ma non sembra si faccia  cenno alla situazione molto confusionaria in cui si trovano le Camere di Commercio. Infatti prima di presentare qualunque idea di progetto economico bisogna stabilire che governance avranno le camere. Non dimentichiamo che al momento c’è un commissario per Ragusa Siracusa e Catania ma c’è anche un decreto che unisce Siracusa e Ragusa ad Agrigento e Trapani. Come si può dunque andare in giro per la Sicilia camerale senza sapere come verranno gestiti tali enti. L’assessore Tamajo ha detto:  «Abbiamo avviato oggi questo tour presso le Camere di commercio della Sicilia con la volontà di creare un rapporto di confronto con le associazioni di categoria . Vogliamo portare avanti una politica dove la parola chiave è sburocratizzazione, per questo si rende necessario creare un percorso di ascolto e di crescita in linea con le esigenze degli addetti ai lavori sul territorio dell’Isola». Dunque una dichiarazione fuori dal tempo visto che guarda al futuro senza avere la visione reale della situazione. No c’è dubbio infatti che cambiando le aggregazioni cambierà anche il modo di pensare all’economia del territorio. Infine sarebbe giusto chiedere a Tamajo che ne pensa della privatizzazione dell’aeroporto di Catania e di conseguenza anche quello di Comiso. Le camere di commercio sono proprietarie di 5 quote su 8 e quindi potrebbero prendere decisioni dirette visto che sono in maggioranza.   Conclude così l’assessore.  «La grande partecipazione a Catania e a Messina testimonia la volontà di voler creare un confronto necessario per portare avanti le numerose istanze, far sì che la Sicilia diventi sempre più attrattiva e che gli imprenditori possano velocemente portare avanti i loro progetti»,  Prossima tappa del tour mercoledì 1 febbraio alla Camera di Commercio di Palermo.

di Direttore26 Gen 2023 22:01
Pubblicità