“RIAPRITE PEDIATRIA AL GIOVANNI PAOLO II”

>

Una città come Ragusa, di 70 mila abitanti e passa, che  si piazza ai primi posti nel sud Italia per la qualità della vita, non può essere priva di un reparto di pediatria nel suo nuovo ospedale. Sappiamo che c’è carenza di medici specialistici ma non si può risolvere tutto accorpando reparti e offrendo servizi dimezzati. A protestare sono oggi le mamme iblee che non possono permettere che si vada avanti così. Non basta la pena per un bimbo malata che deve essere ricoverato bisogna anche averlo lontano ed ecco cosa scrivono rivolgendosi anche al sindaco:

Con il cambio dell’immagine del proprio profilo Facebook, in cui è rappresentato un piccolo Hulk arrabbiatissimo che chiede la riapertura di Pediatria al Giovanni Paolo II, moltissime mamme ragusane hanno avviato il loro percorso di protesta, considerato che non è più possibile attendere oltre rispetto a una esigenza pressante ravvisata dall’intera città. Protesta per la chiusura e richiesta per la riapertura visto che tutto è rimasto inesorabilmente bloccato da mesi. Naturalmente, l’invito che nasce attraverso i social è quello di coinvolgere quante più persone possibile, dando vita, dal basso, a un movimento che faccia sentire la propria voce e che avvii, se necessario, delle interlocuzioni con gli organi competenti, in questo caso i vertici dell’Asp. Passato il periodo natalizio, ovviamente, il confronto con gli organi preposti si renderà necessario per capire quale la strategia migliore su questo fronte al fine di garantire risposte certe a tutti i piccoli pazienti residenti sul territorio del capoluogo. “E’ innegabile – spiegano le mamme – che non si può continuare a fare finta di niente. Anche da palazzo dell’Aquila ci si attende maggiore sollecitudine, affinché lo stesso venga incontro alle legittime richieste delle mamme”.

di Direttore28 Dic 2022 12:12