Ma l’interfaccia lo dice?

>

In un incontro svoltosi presso il Chiostro del Convento di Santa Maria  a Roma si è discusso di aprire un tavolo di confronto tra tutti gli attori di sistema sanitario   e capire che cosa è già stato fatto degli investimenti sanitari del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza  (PNRR) e che cosa rimane da fare.  Questa è la grande utopia del servizio sanitario dove si perde molto tempo a discutere ma non si arriva quasi mai a trovare le soluzioni giuste. Forse anche perchè lo stesso servizio sanitario si barrica dietro un’informazione di regime affidata non a professionisti ma spesso a simpatizzanti di partito.  Solo così infatti si possono certe scelte. E mentre a Ragusa la direzione  dell’Asp individua ” l’interfaccia”  con la stampa, non quindi  l’addetto stampa, al Giovanni Paolo vanno in scena le solite farse o tragedie. Tre giorni fa la mancanza degli anestesisti nella chirurgia ortopedica con pazienti costretti a lunghe attese oggi la foto inviata da un cittadino che fa vedere una signora ultra ottantenne, la madre probabilmente, posteggiata al pronto soccorso su una barella/lettino. Da  2 giorni senza ne cibo o bevande e per fortuna che i parenti, nonostante la paura del covid la hanno potuta assistere.  Questo probabilmente l’addetto all’interfaccia con  la stampa non lo riporterà mai. Ma i cittadini lo sanno.

di Direttore06 Dic 2022 22:12