Cattivelli…non basta!!!

>

Vi riporto il comunicato stampa inviato dagli amici della compagnia Godot. Il loro è sempre stato uno modo di recitare compito e ligio alle regole del teatro elegante, senza mai esagerare o uscire ” dal seminato”. Questa volta però intravvediamo alcune note critiche che potrete riconoscere tra le  parole del collega che ha scritto il comunicato. C’è un chiaro riferimento a Ragusa e alla sua amministrazione. Basti pensare al nome immaginario che viene dato al luogo dove si svolge l’azione. “Bragalusia” Quelli bravi in anagrammi potranno capire che si tratta di due parole messe insieme Ibla e Ragusa . Ecco quindi Bragalusia. Ci aspettiamo allora che Godot riesca finalmente ha superare  la fase dei “cattivelli” e tirare fuori le…. grinfie.
Ecco il comunicato. Riparte divertendo la nuova stagione teatrale della Compagnia G.o.D.o.T. con uno spettacolo fuori dagli schemi, una satira comica e dissacrante, surreale e pungente. Dopo il successo delle due repliche consecutive a maggio per la prima edizione del Festival “Città Teatro” di Ragusa, “La città che… non vorrei, farsa distopica (non troppo)” apre la 17esima edizione di “Palchi Diversi”, e si presenta sotto una nuova, attuale e aggiornata forma, per la prima vera satira comica e grottesca su Ragusa e ragusani, una commedia che contiene anche moltissima autoironia. La Maison GoDoT, lo spazio scenico della compagnia teatrale ragusana, ospiterà nei giorni 11, 12, 18 e 19 novembre alle ore 21 e nei giorni 13 e 20 novembre alle ore 18.00 il divertente spettacolo che vedrà sulla scena i talentuosi attori della compagnia, capitanati dai direttori artistici Federica Bisegna e Vittorio Bonaccorso. Lo spettacolo sarà suddiviso in due tempi e agli spettatori verrà offerta una piccola specialità “bragalusiana”. Dialoghi serrati, battute spietate, colloqui spiritosi e personaggi improbabili, che grazie all’estro creativo e alla fantasia della Bisegna, che oltre ad aver scritto questo effervescente e provocatorio testo cura anche gli eccentrici costumi, e alla regia dinamica e creativa di Vittorio Bonaccorso, “La città che… non vorrei” riuscirà a suscitare risate e ilarità, divertendo di gusto. La commedia satirica vedrà sulla scena un personaggio conosciuto e molto amato dall’affezionato pubblico della Compagnia, sul palco infatti l’attrice sempre in cerca di un ingaggio Anastasia Goffredini (alter ego di Federica Bisegna) sarà intervistata da un eccentrico giornalista (un magnifico Vittorio Bonaccorso) e racconterà, attraverso sketch molto spiritosi e “cattivelli”, come il mondo del teatro vive le sue interazioni con il contesto circostante, tra relazioni personali e lavorative, immersi tra stereotipi e burocrazia. “Apriamo la nuova stagione riproponendo uno spettacolo satirico comico, cattivo e pungente – spiega l’ideatrice Federica Bisegna – con personaggi fuori dagli schemi e dialoghi duri e divertentissimi, per offrire una serata all’insegna della satira, spassosa seppur cattivella, in cui racconteremo di Bragalusia, una cittadina unica nel suo genere, immaginaria… o forse no!” Il regista Vittorio Bonaccorso spiega che
“La città che non vorrei è un grido di “disperazione” in forma comica nel quale Federica Bisegna ritorna a dar voce al suo alter ego: Anastasia Goffredini, stereotipo della grande attrice, a tratti grottesco e autoironico, impegnata a portare avanti la sua attività artistica, teatrale e culturale. Questa volta raccontando il suo rapporto con “la città” e i suoi abitanti: amministratori, insegnanti, funzionari, cittadini comuni, allievi, giornalisti. Una carrellata di situazioni che dicono in che misura la realtà possa sovente superare la fantasia quanto a paradossi”. “La città che… non vorrei, farsa distopica (non troppo)”, di e con Federica Bisegna, con Vittorio Bonaccorso e con Alessio Barone, Emma Bracchitta, Claudia Campo, Marco Cappuzzello, Rossella Colucci, Andrea Di Martino, Benedetta D’Amato, Paolo Lanza, Andrea Lauretta, Martina Marino, Riccardo Massari, Anna Pacini, Lorenzo Pluchino, Rita Scrofani e Mattia Zecchin, sarà in scena alla Maison GoDoT nei giorni 11, 12, 18 e 19 novembre alle ore 21 e nei giorni 13 e 20 novembre alle ore 18.00.  Per info e prenotazioni è possibile contattare i numeri telefonici 339.3234452 – 338.4920769 – 328.2553313 – 339.3130315 o via mail a info@compagniagodot.it

di Direttore08 Nov 2022 12:11