Costosissima…. Sicilia.

>

La Sicilia è la meta preferita dagli italiani per le vacanze estive! Secondo l’ultimo sondaggio Quorum/Youtrend, la nostra Regione conquista la prima posizione con il 26,6% delle preferenze.  Però non c’è molto da vantarsi perchè se è vero che da lontano la Sicilia sembra bellissima, invece,  chi  verrà da noi  quest’anno con molta probabilità non tornerà il prossimo anno. Non bastano più  gli incantevoli tramonti, non è sufficiente la buona cucina tradizionale (perchè di modernità ce ne è poca, grazie a Dio) non basta nemmeno il bel mare. Sono purtroppo Insufficienti i servizi, i collegamenti da una città all’altra, tutto è lasciato al caso, senza poter contare sui mezzi di trasporto tradizionali come ad esempio il treno che è praticamente inesistente.  Oltre i disservizi ci sono gli alloggi, semplici b&b a notte quotati oltre 120 euro a camera( menomale che erano nati per un turismo a portata di tutti), le case vacanza poi hanno toccato prezzi mortificanti per chi li affitta e chi ne produce profitto, per una casa al mare  da Marsala a Marina di Ragusa si è arrivati a chiedere oltre 3000 euro al mese o mille euro a settimana.  Il dato inquietante lo serve l’Osservatorio nazionale dei consumatori: la Sicilia è la regione dove i prezzi hanno subito il maggiore aumento rispetto al resto dell’Italia, vicinissima c’è la Sardegna(che però da sempre si rivolge ad un turismo di fascia alta). A famiglia si spenderà quest’anno mille euro in più rispetto al 2021, E per fortuna in provincia di Ragusa le spiagge sono generalmente libere ma altrove i prezzi di un ombrellone con 2 lettini sono intorno ai 20-30 euro. La scusa è facile da offrire.    C’è il  caro materie prime  quindi è inevitabile subire certi  aumenti ma in molti parlano di speculazione. Aumentati i prezzi dei voli sulla Sicilia. Altrettanto costoso è l’affitto di un auto che va intorno agli 80 euro al girono, stessa cosa se ci si imbarca  al nord prendendo le cabine.  Sicuramente  andare all’estero, andata e ritorno, costa meno. Ci si mettono anche gli scioperi previsti in estate e negli aeroporti italiani c’è grande caos, i voli con netto ritardo hanno creato danni economici ai turisti che arrivano o partono . Non dimentichiamo l’aumento vertiginoso dei prezzi  soprattutto nei ristoranti, nei pub e in chi confeziona aperitivi al prezzo di Montecarlo ma con le patatine comprate al discount. La Sicilia è imbattibile per scontentare il turista dopo averlo attratta. In altre regioni dal un punto di vista dell’accoglienza come ad esempio la Puglia sono più bravi.

di Direttore17 Lug 2022 10:07