Interdetto dai Nas Medico dell’Asp

>

I carabinieri del NAS di Ragusa, hanno eseguito un’ordinanza applicativa di misura cautelare personale, della sospensione dall’esercizio della professione di medico per la durata di mesi dodici (ex art. 290 c.p.p.), emessa dalla Quinta Sezione Penale del Tribunale di Catania, nei confronti di uno specialista in fisiatria e reumatologia, già dirigente medico presso L’ASP Iblea, oggi medico libero professionista.
La vicenda trae origine da un’attività investigativa, iniziata nel 2019, coordinata dalla Procura della Repubblica di Ragusa e svolta dal NAS di Ragusa, (sviluppata anche con l’ausilio di intercettazioni telefoniche, ambientali/video, servizi di osservazione, pedinamenti e dall’acquisizione ed analisi di centinaia di documenti, al fine di chiarire la posizione dell’indagato) volta a contrastare la commissione di gravi reati contro la Pubblica Amministrazione, con particolare riferimento alla “corruzione dei pubblici dipendenti nel comparto sanitario” che ha visto coinvolto lo specialista, unitamente ad altri sette professionisti dello stesso settore, anch’essi indagati e, che già in data 26.5.2021 era stato eseguito, nei confronti del medico, il sequestro della somma di euro 3.476,00 in virtù di sentenza della Corte di Cassazione che aveva accolto l’appello del P.M. avverso il provvedimento di rigetto del GIP prima e del Tribunale del Riesame dopo, di una richiesta di sequestro preventivo di somme ritenute provento dei reati commessi.

di Direttore02 Mag 2022 11:05