Cosi non va! Sarebbe stato meglio se….

>

Abbiamo scritto pochi giorni fa che l’affidamento dei locali noti come quelli di Carmine Putia al Tribunale è stata una soluzione sofferta ma l’unica praticabile per utilizzarli visto che dal punto commerciale non hanno avuto un buon “appeal”. Ma c’è che la pensa diversamente infatti pubblichiamo la nota di Fratelli d’Italia che interviene su questo argomento ma non solo.
vc”. Lo dichiarano congiuntamente il coordinatore cittadino di Fratelli d’Italia, Alessandro Sittinieri, e il responsabile del Dipartimento Centri storici del partito, Luca Poidomani.
“L’Amministrazione Cassì sembra procedere a casaccio sulla gestione del centro storico – spiega Sittinieri – tant’è che un giorno viene presentata l’idea progettuale di via Roma (riscuotendo trasversalmente scarsissimo consenso) nel tentativo di rianimarla dallo stato comatoso che ormai l’avvolge da lustri, quello dopo si decide di rinunciare per cinque anni ai locali di Carmine Putie, ieri sono iniziati i lavori di recupero dell’ex biblioteca civica di via Matteotti. Tutto ciò fa sospettare che nessuno sappia quale sia l’idea complessiva dell’Amministrazione sul futuro del centro storico di Ragusa, forse ignota perfino allo stesso sindaco Cassì. Un dato è certo: quei locali erano sorti per essere destinati allo svolgimento di attività commerciali e artigianali che avrebbero consentito da un lato la creazione di posti di lavoro e di sviluppo economico, dall’altro la rinascita e la crescita di un’importante zona del centro storico di Ragusa superiore, senza considerare il tornaconto economico per il Comune in termini di canoni di locazione e di imposte. La firma del contratto tra Comune e Ministero della Giustizia rischia di condannare definitivamente all’oblio il progetto del Centro polifunzionale così come era stato concepito”.
La scelta dell’Amministrazione Cassì, inoltre, suggerisce un’altra ipotesi, spiegata da Luca Poidomani: “Come mai il Comune di Ragusa, a fronte dei numerosi bandi fissati per la locazione di detti immobili e andati sistematicamente deserti non ha mai pensato di concederli in comodato gratuito ai privati per attività commerciali di artigianato tipico e artistico o per la somministrazione di alimenti e bevande o, ancora, per lo svolgimento di attività di promozione turistica e culturale? Perché, se tale struttura era sorta con delle specifiche caratteristiche e con una particolare destinazione d’uso, oggi si decide di stravolgerne le finalità affidandola al Tribunale? Questa scelta segna evidentemente il fallimento anche dell’altro grande progetto di questa Amministrazione, oggetto anche del programma elettorale, e cioè quello dell’acquisizione di Palazzo Tumino per destinarlo a cittadella giudiziaria. Progetto che all’evidenza è definitivamente sfumato, se si pensa di risolvere il problema delle strutture giudiziarie con l’uso dei locali di Carmine Putie”.
“Rimaniamo in attesa che l’Amministrazione sia in grado di presentare alla città un progetto complessivo – concludono – capace di occuparsi di tutto il centro storico di Ragusa, dalla Rotonda Maria Occhipinti alla Stazione, dalla fine di via Mario Leggio allo Scalo Merci, rendendo i due Centri Storici di Ragusa e Ibla fruibili allo stesso modo”.

di Direttore22 Feb 2022 23:02