Biometano a Pozzallo ancora in discussione

>

Si torna a parlare anche se un po’ in sordina del mega impianto per produrre biometano in contrada Bellamagna, tra Pozzallo e Modica. Della vicenda infatti non si è dibattuto da tempo ma come si vede la questione è sempre aperta. Ad affrontarla oggi è la federazione del Prc di Ragusa che ci dice di aver partecipato, assieme a delegazioni di Catania e Siracusa, alla manifestazione organizzata dal Comitato per la tutela della salute e dell’ambiente contro la realizzazione dell’impianto di biometano che dovrebbe sorgere tra Pozzallo e Modica, in un’area di 7 ettari a 3 chilometri dall’abitato e dal mare. Secondo i responsabili del PRC si tratta di una scelta di natura nociva speculativa, con gravi conseguenze sull’equilibrio naturale del territorio circostante, ricco di uno straordinario patrimonio archeologico, paesaggistico, naturale, basato su un modello economico autocentrato con la presenza di carrubeti, uliveti, coltivazioni di grano duro, e la relativa trasformazione dei prodotti agricoli. Una zona che sarà ulteriormente vessata dal traffico veicolare che ne deriverà. Nel corso della manifestazione, cui hanno partecipato realtà diverse siciliane impegnate in difesa della salvaguardia ambientale dei loro territori, diversi interventi hanno denunciato la superficialità dei sindaci dei comuni interessati e la loro subalternità al mondo delle imprese attratte da una legislazione nazionale e regionale che incentiva gli appetiti speculativi, mentre non dà risposte efficaci e vantaggiose, anche dal punto di vista dei costi scaricati sull’utenza (carobollette), al fabbisogno di energia. Ora come abbiamo detto in passato siamo di fronte ad un bivio. Non c’è dubbio che la produzione di Biometano è consona agli sforzi ambientali ma la vicinanza con il centro abitato e le zone turistiche pongono seri dubbi. Sembra strano inoltre che non ci sia stata una mobilitazione generale della cittadina. Il tema ritornerà di scottante attualità appena arriveranno le decisioni degli organismi interessati a partire dalle sentenze legali.

di Direttore09 Gen 2022 21:01