A Ragusa tanti contagiati liberi di andare in giro. Appello all’Asp

>

L’alto numero dei nuovi contagi giornalieri continua a preoccupare ma noi vorremmo fare una segnalazione che deve spingere le autorità a prendere dei provvedimenti immediati. Siamo certi infatti che la ragione di tanti contagi stia proprio in quello che vi stiamo raccontando. Accade che in farmacia o addirittura al supermercato siano in vendita,  a pochi euro, i kit per fare i tamponi rapidi o anche più approfonditi per il covid.  Ma il problema dunque è gravissimo e si presenta quando malauguratamente qualcuno, fatto il tampone in casa, risulta positivo. In questo caso, purtroppo, sono poche le persone responsabili che, rendendosi conto di poter trasmettere il virus, si mettono in quarantena volontaria.  Molti altri invece, valutano da soli quale è il grado dei sintomi, e se ne vanno in giro tranquillamente diventando dei veri e propri untori.  Questo accade perchè i laboratori o le altre strutture mediche hanno l’obbligo di comunicare il contagio e obbligano alla quarantena il malcapitato. Per il fai da te, naturalmente, nessuno va a controllare anzi vi diremo che  ci sono diverse persone in citta, a Ragusa, che per non dover chiudere il proprio  locale o sospendere l’attività, pur sapendo di avere il covid,  stanno effettuando tutta una serie di manovre per non farsi scoprire. E così cercano di evitare i supermercati dove c’è in termometro all’entrata e di conseguenza tutti i luoghi dove qualcuno potrebbe fare un controllo. E’ da veri incoscienti. Non si rendono conto di quanto sia grave il loro comportamento che è passibile di denunce penali.  Chiediamo alle autorità, dall’ASP alla Prefettura, alle associazioni dei commercianti,  di intervenire per impedire la vendita dei tamponi fai da te in modo che chi ha la paura di avere il covid vada in una struttura ufficiale. Facciamo anche la richiesta che  i tamponi in laboratorio vengano fatti pagare a prezzo politico.

di Direttore07 Ago 2021 20:08