Reteiblea

Cari amici (Crocetta e Ricciardi) vi scrivo e siccome siete lontani più forte…….griderò

Cari amici (Crocetta e Ricciardi) vi scrivo e siccome siete lontani più forte…….griderò
luglio 08
20:57 2017

Pippo di Giacomo deve aver capito che qualcosa in questa vicenda dell’ospedale non sta andando come sperava. Da mesi aveva minacciato tuoni e fulmini se ci si fosse azzardati ad inaugurare il NOR per fare “solo” passerella. Secondo lui ci volevano ancora mesi e mesi. Ora l’on è un mio amico, che stimo molto tra l’altro, ma lui è famoso per certi colpi di mano inaugurativi ( vedi aereo di stato a Comiso ben 7 anni prima della vera inaugurazione) e certe posizioni “aripizzate” restano nella storia e ne piangiamo le conseguenze per anni e anni.
Allora l’ospedale non è un campetto da tennis e non si inaugura così dice Digiacomo!!!.
Cioè se è pronto bisogna mettere tutto a decantare magari aspettando la prossima elezione.
Ho detto, in altra sede che a me di Aricò non me ne frega nulla.
Per inciso vi dico che  non ci ha mai dato un coccio di pubblicità nonostante le decine di domande presentate  e le promesse che non ha mai mantenuto: con altri invece è stato molto più disponibile:  a parte la questione del filmato a 50 mila euri che ricorda Digiacomo, è bastato ad un’altra  realtà editoriale locale  fare una semplice richiesta di 18 mila euri e nessuno ha detto una parola( e neanche Digiacomo lo sa)  ma quelle sono altre città.
Dunque a me di Aricò non me ne frga niente ma pensare che ora siamo in piena emergenza perchè qualcuno l’aveva detto e non si è invece data la priorità alla salute dei ragusani mi preoccupa davvero! Siamo senza sale operatorie, Modica è oberata, Vittoria minaccia il collasso e aspettiamo il 12 luglio per i tecnici commissari.
Dico sempre che se il Sindaco facesse il sindaco si sarebbe dovuto insediare una unità di crisi come per gli incendi, chiudersi  nella sala giunta permanentemente  e mandare a prendere con i vigili urbani, manager, ingegneri, tecnici dell’area condizionata e riferire momento per momento alle autorità inquirenti.
Ma ormai è sabato ed è estate fateci godere il meritato relax dopo le fatiche del bilancio e delle rotatorie. Poi se qualcuno sta male c….zi suoi.

Intanto beccatevi la lettera di Digiacomo che serve a capire tante cose

Caro Presidente della Regione e caro Assessore alla salute, la Sanità iblea sta vivendo uno dei momenti peggiori che ricordi e il mio ricordo comincia a essere lungo. Ma la cosa maggiormente sconfortante in tutto ciò, è che quanto è successo non è figlio dell’imperizia degli operatori o del malaffare (almeno fino a ora) o di ristrettezze di carattere economico: nossignore! Quello che è accaduto è figlio della supponenza, del dispregio del dialogo, della sfida alla ragionevolezza organizzato a tavolino.  Elementi, questi, che sono esattamente il contrario del buon senso ibleo, d’una fattiva e intelligente bonomia che ha reso la nostra terra fra le più attive ed evolute nel Mezzogiorno d’Italia. Oggi, però, la figura che abbiamo fatto e stiamo facendo è quella degli autentici imbecilli. Non ricordo casi analoghi in cui una festa grande, e cioè l’apertura d’un grande e moderno ospedale nel comune capoluogo costato 50 ml euro, si sia trasformata in una farsa grottesca pronta a degenerare in tragedia da un momento all’altro e nonostante il sottoscritto avesse prefigurato mesi prima quello che sarebbe potuto accadere. Come mai avevo intuito il pericolo? Doti magiche? Genialità innata? Macché! Solo il buon senso del vecchio amministratore locale che sa bene quanto complesse, delicate e lunghe siano le procedure autorizzative e le cosiddette “rifiniture” in un’opera grande e delicata che è un ospedale!

I problemi sono immensi quando apri un campo di calcetto, figurarsi un grande nosocomio. Ma soprattutto, è quello il momento del dialogo serrato con le altre istituzioni giacché, se responsabilità ci devono essere, vanno prese concordemente insieme e poco conta qualche settimana di ritardo perché l’opera è lì, non
la toglie nessuno, la “classe dirigente ” nel suo insieme se ne sta prendendo cura.  Invece, al diavolo tutto questo, scavalcare il Sindaco, il Governatore, l’Assessore, scavalcare il Parlamento, Prefettura, Procura, Guardia di Finanza, diventa la parola d’ordine! La famosa delibera da 50.000 euro per la promozione del Giovanni Paolo II era stata sintomatica di un volere procedere ad ogni costo verso un disperato tentativo di rilanciare la propria carriera dall’andamento molto controverso (a partire da Firenze, dove incombeva un rischio di licenziamento, per finire a Ragusa, manager non riconfermato per valutazioni precise del governo, determinate anche da iniziative ispettive concluse ed ancora in corso…altro che promozione!). E mentre qui si rischia di morire un minuto sì è un minuto no perché, ad esempio, il cardiologo opera con un angiografo portatile, il manager arriva in reparto, rosa alla mano e sorriso smagliante, per rassicurare pazienti ed opinione pubblica che è tutto okay: le preoccupazioni sono solo frutto dei malpensanti, di settori deviati dell’opinione pubblica, della politica, del sindacato, della stampa. Vi ricordo, caro Presidente e caro Assessore, che appena qualche giorno fa, il dottor Aricò sosteneva di non volere pagare per scelte calate dall’alto. Non è che lo avete obbligato voi a aprire a ogni costo un ospedale incompleto? Che lo avete costretto, contro la sua volontà, a farci precipitare nella situazione più grave della Sanità nazionale? Conoscendovi, sono certo che non è così.  Per quanto mi concerne, giuro poi d’avere implorato che ciò non accadesse. Ora che però la frittata è fatta, e il dottor Aricò è un semplice commissario per l’ordinaria amministrazione, Voi valutate che sia invece il commissario adatto a svolgere il ruolo di normalizzatore della Sanità iblea; proprio lui che l’ha devastata, attentando alla sicurezza dei pazienti?

Fate come ritenete opportuno: io ho tracciato il mio percorso e non intendo fermarmi. Cordiali saluti.

Articoli simili