Territorio non c'è più. Ora sono Democratici e Riformisti.

Territorio non c'è più. Ora sono Democratici e Riformisti.

territorio democtraticiSarà il Consiglio di presidenza dell'Ars a decidere il destino dei due gruppi parlamentari che oggi contano meno dei cinque deputati previsti dal regolamento: Grande Sud e l’ex Movimento Territorio. Dopo l’addio di Nello Dipasquale, quest’ultimo gruppo ha anche cambiato denominazione. A comunicarlo è stata la vicecapogruppo, Alice Anselmo, con una nota agli uffici competenti: il nuovo nome del gruppo parlamentare è “Democratici e Riformisti per la Sicilia”.  Si conferma quindi implicitamente che la titolarità del nome Territorio è certamente riconducibile a Dipasquale. che come già detto ha convocato tutti gli iscritti per sabato prossimo. Per completezza d'informazione ci è arrivato un commento che specifica la sede dell'incontro che è in Viale Europa.  Per quanto il gruppo ricordiamo che il regolamento dell'ARS prevede che ci siano almeno 5 deputati per formare un gruppo e a meno di una revoca, considerata precedentemente difficile da concedere, il gruppo anche con un altro nome non potrebbe esistere.


Università. Poche idee ma in compenso abbastanza confuse.

Università. Poche idee ma in compenso abbastanza confuse.

università-CataniaForse c'è una manovra oscura sul futuro dell'Università. Questo dice in sintesi Paolo Pavia nell'intervista rilasciata a Teleiblea, mercoledi sera,  quando fa riferimento alla convenzione, tanto attesa e discussa,  che nei giorni scorsi è stata inviata in 3 stesure  diverse all''Università di Catania.  Paolo Pavia che parla come ex rappresentante degli studenti, è preoccupato soprattutto per un articolo della convenzione   inserito dopo gli incontri in Prefettura che assolutamente non piace a Catania. Secondo Pavia questo renderebbe vano ogni sforzo tanto che  la  data per la firma della convenzione  fissata per il 29 gennaio è gia stata spostata a dopo la riunione del consiglio direttivo dell'Ateneo catanese .  Infine c'è il problema delle reali motivazioni del verificarsi di tali impedimenti. Secondo Pavia potrebbe esserci addirittura una regia occulta che vedrebbe alcuni enti poco propensi alla firma  a causa delle difficoltà di bilancio creando così  un danno enorme all'intera comunità iblea.  Sull'argomento interviene anche Sonia Migliore con una lettera: Tira tira la corda si spezza. Spero che non si dica più che l’Università e le sue sorti siano argomenti che vengano strumentalizzati dato che, nonostante l’intervento puntuale e meritorio del prefetto di Ragusa, Annunziato Vardè, che ringraziamo vivamente, e nonostante si predichi a destra e a manca sul fatto che l’Università sia una priorità per il territorio, sul tavolo dell’Ateneo catanese arrivano due bozze e chissà forse ne arriveranno altre, emendamenti e non sappiamo cos’altro”. “Confusione – aggiunge – che scatena le giuste perplessità dell’Ateneo catanese (addirittura additato come debitorio) tanto da richiedere il parere del Consiglio di amministrazione, causa di un ulteriore ritardo della firma della convenzione, già stabilita per il 28 gennaio, al 2 febbraio, quando il 31 sarebbero scaduti i termini.  Dunque occorre chiarire una volta per tutti cosa si vuole fare e quali sono gli accordi. Dice bene la Migliore quando parla dell'intervento del Prefetto. E' stato utilissimo ed ora  occorre che lo sia ancora di più. Infatti il dott. Vardè prenda di petto la questione e una volta per tutti metta d'accordo i contendenti magari facendo anche venire ad un incontro l'ormai famosissimo dott. Maggio.


Più di un piatto di lenticchie.

Più di un piatto di lenticchie.

MARGHERITA_RIZZAMissione romana per il commissario del comune di Ragusa che ha incontrato questa mattina tutti gli enti e le organizzazioni coinvolte nel progetto dell'elettrodotto Sicilia Malta. la Signora  Rizza ha presentato al ministero competente la sua delibera, con tanto di parere  da parte del Consiglio Comunale , che  autorizza i lavori nel territorio di Ragusa e nel mare antistante. Il commissario che era anche accompagnato da alcuni dirigenti ha fatto presente che erano state inserite delle clausole da parte del consiglio relative ai controlli e alla compensazione in euro. Non ci sono state contestazioni e quindi sia da parte di Malta, presente l'ambasciatore a Roma sia  da parte della ditta incaricata dei lavori si è manifestata una netta soddisfazione sull'andamento delle contrattazioni. L'elettrodotto quindi si farà e la grande incognita delle autorizzazioni del Comune di Ragusa è stata superata senza patemi d'animo. Ora i lavori potranno iniziare e siamo certi che questo avverrà tra breve visto come ci si è mossi velocemente su tutte le questioni ambientali. Resta il rammarico del'ex  Sindaco Dipasquale e del suo gruppo politico che ha accusato il consiglio di essersi svenduto per il tradizionale piatto di lenticchie, anche se vale 600 mila euro. D'accordo per il concetto di valutazione dell'ambiente ma crediamo che non si poteva davvero fare diversamente. L'avremmo tirata alle lunghe ma alla fine avremmo ceduto e magari senza compensazione alcuna.


Territorio sono io.

Territorio sono io.

Rigettando le accuse rivoltegli dagli ex colleghi del gruppo parlamentare Territorio  all'ARS , Nello Dipasquale rivendica, senza tema di smentite,  la paternità del movimento che è nato a Ragusa alla fine del 2011. Come abbiamo scritto in un altro articolo della nostra rete, all'indomani della presentazione delle liste per le prossima elezioni politiche, si sono registrati alcuni potenti scossoni nella politica nelloregionale  che hanno avuto conseguenze inimmaginabili. Tra queste lo scioglimento del gruppo Territorio che da una parte vede, ora,  il suo capogruppo rientrare nell'ambito crocettiano e dall'altra i suoi colleghi che lamentano tradimenti e sconfessano il loro creatore. Ma a questo punto bisogna fare una considerazione. Probabilmente l'ex sindaco di Ragusa era  abituato a guidare, senza ostacoli, la sua macchina da guerra. A Palermo , invece, ha trovato personaggi un po più tosti e le sue strategie spesso non coincidono con le loro . Comunque crediamo che nessuno possa smentire che Territorio sia  una sua creatura  e per confermarlo, l'on Dipasquale ha indetto per sabato prossimo, alle ore 17,30, presso la sede  del movimento che è a Ragusa in via Archimede, un'assemblea regionale generale alla quale parteciperanno tutti gli iscritti. Sarà l'occasione per affrontare la questione del gruppo parlamentare e spiegare, dice Dipasquale, le motivazioni che lo hanno spinto ad avvicinarsi ancora di più al presidente Crocetta.  Da spiegare poi anche l'ipotesi che è stata fatta circolare in merito alla possibilità di nominare Dipasquale assessore regionale. Si tratterebbe, dicono i suoi ex colleghi  Alice Anselmo,Marcello Greco,  Salvatore Lo Giudice e  Gianfranco Vullo che lo hanno ufficialmente sfiduciato del prezzo che Crocetta dovrà pagare per il figliol prodigo.


Ryanair a Catania: Dai nemici mi guardo io dagli amici....

Ryanair a Catania: Dai nemici mi guardo io dagli amici....

ursino manciniCosa stanno tramando i due personaggi della fotografia. Incominciamo con il dire che i due sono rispettivamente l'ing. Ursino, amministratore unico della Soaco, a sinistra, e l'ing Mancini, amministratore unico della Sac di Catania a destra. L'immagine si riferisce alla visita di qualche giorno fa a Comiso di un rappresentante dell'Air One accompagnato dai vertici di Sac e Soaco. Ma mentre la signora Cavatorta della compagnia aerea nazionale andava in giro per l'aerostazione i due amministratori confabulavano tra loro. Probabilmente  al centro della accesa discussione c'era la vicenda Ryanair. Infatti è di oggi la notizia che la compagnia low cost irlandese, che da tempo, è corteggiata da  Comiso, ha stipulato un accordo per operare su Catania. Insomma probabilmente l'accordo, possibile, con Comiso è servito agli irlandesi per scardinare il blocco catanese e domani, a quanto si dice, Mancini, in conferenza stampa dirà che il quarto( o quinto)  aeroporto d' Italia è costretto a subire le offerte della Ryanair. Dunque Mancini e Ursino, forse, stavano proprio parlando di questo futuro accordo che non andrà giù ai ragusani e ai vertici della Soaco. Domani pomeriggio, alle ore 16,30 è previsto un incontro, a Poggio del Sole, per parlare di aeroporto e  sarà presente anche il presidente della Sac Taverniti che avrà le idee più chiare dopo la conferenza stampa di Mancini.  Sarà interessante sapere quali condizioni verranno praticate per i servizi a terra alla Raynair e perchè per Comiso non era possibile ne dare incentivi ne praticare sconti. Insomma la teoria perversa  che vuole che Catania  sia il peggior avversario di Comiso, con quello che sta accadendo in questi giorni, sembra davvero la più accreditata.


I retroscena dell'accordo universitario. Stasera a Teleiblea Paolo Pavia

I retroscena dell'accordo universitario. Stasera a Teleiblea Paolo Pavia

paolo paviaPaolo Pavia, non ci sta! Contrariamente a quanto è stato sbandierato sulla stampa la storia della convenzione con Catania non è ancora conclusa ma  addirittura sembra complicarsi. Nonostante quindi le dichiarazioni di giubilo da parte degli enti coinvolti si prospettano tempi durissimi.  E questo perchè, dice Pavia, ci sono dei retroscena che gli studenti e i ragusani non sanno ma che porteranno alla chiusura definitiva della facoltà universitaria.  La notizia in verità non ci stupisce perchè, da tempo,  diciamo che  la storia delle convenzione sembra una commedia comica nella quale gli attori si impegnano a fare progetti che non porteranno a niente.  Pavia interverrà questa sera a Teleiblea, ospite del direttore Mario Papa  per spiegare cosa sta davvero accadendo e nel corso dell'intervista parlerà anche della  sua posizione politica all'interno dell'IDV.


Territorio: Fine di un "Gruppo" in Assemblea Regionale.

Territorio: Fine di un "Gruppo" in Assemblea Regionale.

Dipasquale-e-CrocettaLa questione della composizione delle  liste elettorali ha creato un vero ciclone che ha spazzato  alleanze e strategie all'interno dell'Assemblea Siciliana. Oggi addirittura, quella che era considerata la "gioiosa"  macchina da guerra di Nello Dipasquale, il gruppo parlamentare di Territorio, si è dissolto come neve al sole.   Le motivazioni sono molteplici ma  la più accreditata è quella che fa riferimento ad una serie di  accordi sottobanco e personali che ognuno dei vari componenti del gruppo stesso stava mettendo a fuoco in vista delle elezioni. Dipasquale a questo punto si sarà sentito tradito in quelli che erano le sue intenzioni per il futuro e come si suol dire ha mandato tutti a......     quel paese. E cosi  il gruppo "Territorio" non esiste più. Nello è tornato all'origine e cioè la lista del presidente Crocetta che da tempo lo "corteggiava".- "Ritengo che la frantumazione dei gruppi, finisca oggi per rallentare un lavoro di tessitura democratica di riforme che ha bisogno di tempi veloci". Così aveva detto Rosario Crocetta che puntava  ad allargare la base certa su cui poggiare la sua azione di governo, dando più forza al gruppo che all'Ars porta il suo nome. Un desiderio che ha trovato espressione, dopo una fase di studio, nella scelta di Nello Dipasquale, deciso a confluire  nella sua  Lista  dopo avere lasciato in tronco il movimento per il Territorio, di cui era tra l'altro capogruppo a Palazzo dei Normanni.   E' bene però precisare che Territorio resta come movimento politico e continuerà a fare il suo lavoro nelle varie  realtà locali. Il cambiamento  non sposta gli equilibri già esistenti alla Regione, dato che Dipasquale gravitava già nell'ambito della maggioranza; un ritorno formale al via semmai quello dell'ex sindaco di Ragusa, eletto ad ottobre tra le fila crocettiane per poi formare, assieme ad altri quattro deputati, gruppo Territorio.   Naturalmente non si può dire tutto e Dipasquale motiva ufficialmente la sua decisione con parole del politichese più scontato  che richiamano "la valenza del progetto politico che il governatore sta portando avanti per il futuro della Sicilia", parla di "collaborazione attiva e concreta", e Crocetta ricambia "con immensa soddisfazione" alle dichiarazioni al miele del figliol prodigo .   A fare da contraltare è Salvino Caputo di Fratelli d'Italia, dal suo posto tra i banchi dell'opposizione: "Questo sistematico 'cambio di casacca' – dice il vicepresidente della commissione Attività produttive - che ci riporta alla Prima Repubblica e ci fa temere la riapertura del famigerato 'mercato delle vacche', certamente non fa bene alla Politica con la P maiuscola e aumenta la sfiducia della gente nella classe politica". "Bisogna porre urgente rimedio a quest'anomalia varando una legge che impedisca la trasmigrazione da un partito all'altro", conclude Caputo.

 


Il Prefetto in visita alla GdF provinciale

Il Prefetto in visita alla GdF provinciale

prefetto varde con fallicaI prefetto di Ragusa è stato questa mattina in visita ufficiale al comando provinciale della Guardia di Finanza in piazza Libertà a Ragusa. Il rappresentante dello Stato ha avuto modo di apprezzare la logistica e l'organizzazione delle Fiamme Gialle iblee che ormai da più di un anno occupano la sede prestigiosa, al centro della città,  che nel passato ha ospitato la direzione dell'Intendenza di Finanza. Dopo aver visitato gli uffici il Prefetto si è soffermato con il colonnello Fallica  e con gli ufficiali  del comando provinciale per discutere alcune direttive che da tempo sono in vigore per quanto riguarda l'ordine pubblico e la prevenzione nel territorio. Al termine dell'incontro c'è stato un momento dedicato alla stampa che era stata invitata proprio per chiarire le motivazioni della visita. Il prefetto ha voluto sottolineare gli ottimi rapporti che vi sono fra l'organismo territoriale e le varie forze dell'ordine e la visita odierna è servita a completare un percorso di conoscenza iniziato all'indomani dell'insediamento del prefetto Vardè a Ragusa.


Minardo OK, Leontini forse!

Minardo OK, Leontini forse!

minardo_antoninoOra che le liste dei candidati alle prossime elezioni politiche  sono state completate abbiamo un quadro definitivo per quelle che saranno le nostre rappresentanze in parlamento. Poca roba in definitiva ma ormai ci siamo abituati ad essere solo una ruota di scorta e portatori d'acqua per i grandi partiti e quindi dobbiamo accontentarci. Iniziamo con il PD che sembra dato vincente nei sondaggi. Per la Camera nessuna posizione utile per esponenti iblei. Eccellente invece la presenza di Venerina Padua tra i sicuri eletti al senato visto che la troviamo al terzo posto. Nelle liste del centro destra fino a pochi minuti prima delle chiusura effettiva delle liste ci sono stati dei cambiamenti con l'eliminazione di nomi altisonanti. Per quanto riguarda la nostra provincia il deputato uscente Nino Minardo è riuscito a conquistare una posizione utile e per non rischiare neanche un pò si è sistemato in quarta posizione, dopo gli intoccabili  del PDL  come  Antonio Martino, Stefania Prestigiacomo, Giuseppe Castiglione e prima di Basilio Catanoso e Vincenzo Garofalo. Considerando che all'interno del partito di Berlusconi contano di più le amicizie che altro si può dedurre che ormai Minardo è entrato in un ambito politico di grande spessore. A questo punto dobbiamo pretendere  che il quasi certamente rieletto Minardo  dia a  tutti noi  e a tutti gli elettori  del partito l'assicurazione di essere il baluardo insuperabile della provincia iblea. Insomma abbiamo capito che in queste elezioni, nel centro destra bisogna essere nel posto giusto e visto che qualcuno, almeno, c'è riuscito speriamo di poter contare  su di lui.  Qualche speranza, ma sottoposta al vaglio dei votanti, anche per Leontini candidato in quarta posizione al Senato .  Qui bisogna spiegare come è fatta la legge elettorale.  Il Pid Cantieri Popolari aveva stretto un'alleanza con ilo PDL. L'accordo era che un paio di nomi dei Cantieri sarebbero stati inseriti nelle liste della camera del Partito di Berlusconi. Ma come sempre accade in politica, e nelle liste di Silvio, all'ultimo momento, quando non c'è più tempo per porre rimedio, si danno le fregature. Nessun posto dunque in Sicilia orientale per i Cantieri e quindi l'unica speranza resta per il senato. La legge in questo caso dice che per  le liste apparentate  occorre superare uno sbarramento minimo del 3% per avere almeno un senatore. La lista del PID vede queste posizioni:  Cordaro detto Toto, Roberto Saverio Clemente,   Maira detto Rudy  e  Innocenzo Leontini seguito da  Caronia detta Marianna. E' però vero che se il centro destra vincesse al senato in Sicilia avrebbe diritto al premio di maggioranza e quindi al PID, che fa parte della coalizione vincente, andrebbero almeno un paio o anche due senatori in più. Ma che c'entra Leontini che comunque è in quanta posizione? Per la cronaca occorre dire che Caronia e Clemente sono già deputati regionali e quindi rifiuterebbero la carica di senatore e gli altri posti sarebbero a disposizione di Maira e Leontini. Dicevamo quindi una possibilità che però dipende da molte concomitanze.


Si all'elettrodotto ma a certe condizioni

Si all'elettrodotto ma a certe condizioni

elettrodotto_giardino (1)Diciotto  consiglieri comunali hanno detto "si" al progetto dell'elettrodotto tra la Sicilia e Malta. Questo è il risultato della seduta del massimo consesso cittadino ragusano che ieri sera ha affrontato questo delicato argomento. A votare "no" sono stati solo i rappresentanti del gruppo territorio e quelli vicini all'ex sindaco Dipasquale. La vicenda cominciò a giugno dello scorso anno quando fu presentato il progetto dell'elettrodotto al Comune di  Ragusa.  L'amministrazione guidata da Dipasquale si disse subito contraria perchè attraversando tutto il territorio comunale e parte della riserva dell'Irminio avrebbe avuto un impatto devastante dal punto di vista ambientale. La pratica era andata comunque avanti speditamente con il benestare di tutti gli uffici regionali e nazionali e  in questi giorni è tornata a Ragusa dove doveva essere affrontata in consiglio comunale. Il commissario Rizza aveva fatto capire che si trattava di qualcosa  di interesse sovra comunale chiedendo ai consiglieri di valutare bene la questione. Alla fine, considerato che non era un'opera particolarmente impattante,  è stato dato parere positivo ma con una serie lunghissima di prescrizioni. Intanto la direzione dei lavori dovrà essere affiancata da tecnici del comune di Ragusa per garantire la osservanza continua delle prescrizioni in materia d'ambiente.  Poi c'è l'indennizzo richiesto che dovrà essere calcolato come per le linee aerea a fortissimo impatto e quindi non inferiore a 600 mila euro. Infine la questione delle maestranze. Per i sindacati  si tratterebbe di una occasione importantissima per il lavoro in provincia. Ora anche non è stato possibile imporre una clausola riguardante le maestranze locali c'è stato un impegno da parte della ditta appaltatrice di rivolgersi con grande disponibilità ai lavoratori della provincia. Per Calabrese,  consigliere comunale del PD, il voto favorevole era praticamente obbligatorio e comunque si è tentato di ottenere il massimo dei ristori per il territorio. A proposito dei rappresentanti del movimento "Territorio"  il segretario cittadino del PD ha espresso una certa ironia sul loro comportamento ribadendo che dopo anni di poca attenzione per l'ambiente ibleo, vedi avversione al piano paesistico, piani edilizi etc etc,  ora gli uomini di Dipasquale sono diventati dei difensori del territorio.  Miracoli della politica.