Reteiblea

Spadola (M5S) sui debiti fuori bilancio: “Cosa avremmo potuto fare, per la città, con altri 17 milioni di euro?”

Spadola (M5S) sui debiti fuori bilancio: “Cosa avremmo potuto fare, per la città, con altri 17 milioni di euro?”
ottobre 25
16:35 2016

“Insieme ai colleghi della maggioranza, da tempo, ed ogni volta che il Consiglio comunale era chiamato ad esaminare i singoli atti relativi ai debiti fuori bilancio, abbiamo avviato questo semplice ragionamento: cosa si poteva fare, con oltre 17 milioni di euro? Quali opere, iniziative, atti anche economicamente forti avremmo potuto avviare, far crescere, rendere strutturali, a servizio di tutti i cittadini, con una somma così ingente? Purtroppo, ed è questo che fa più rabbia, le sottovalutazioni, gli errori ed in alcuni casi, gli orrori del passato, hanno compresso il presente ed il futuro della nostra città. Per questo il commento, su una situazione così evidente, e così incredibile, non può essere esclusivamente legato al dato politico in sè”, dichiara Filippo Spadola consigliere comunale del M5S, che prosegue, “anche perché, proprio grazie al nostro impegno ed alla nostra attività, di concerto con il sindaco e la Giunta, gli effetti di questo dato, economicamente devastante, per fortuna, sono stati limitati, attraverso una politica oculata ed attenta che ha attraversato tutto il triennio ed ha permesso all’Amministrazione Comunale di portare avanti comunque opere ed interventi strategici per far ripartire e far crescere la nostra città. Resta la profonda amarezza per un aspetto, soprattutto: questa situazione poteva essere evitata. Negli anni precedenti, tanti, perfino troppi, sarebbe bastata una maggiore oculatezza, una maggiore attenzione, insomma una gestione adeguata alle prospettive ed al futuro di questa città. Invece, gli effetti di una politica della cicala ci hanno costretto, oggi, a fare i conti con una netta decurtazione delle risorse a disposizione. E’ facile amministrare, altra riflessione che ritengo importante, quando gli effetti delle scelte e degli errori, li paga qualcun altro. Ma non è la strada giusta: perché a pagare, davvero, non è la politica, bensì i cittadini, a cui va tutto il peso, principale, di un’eredità scomoda”.
“E’ meritoria – conclude Spadola – un’operazione trasparenza come quella che è stata presentata ieri, e che sono convinto non resterà isolata, ma ben presto sarà avviata anche su altre situazioni ancora non definite e che devono essere portate alla luce al più presto, per ristabilire la realtà dei fatti. Ha ragione chi afferma che non è il tempo dei cabarettisti, ma degli amministratori, anche perchè, osservando semplicemente i numeri, non credo che nessuno abbia proprio voglia di ridere”.

Articoli simili