Reteiblea

“Il silenzio lascia i lividi”, l’associazione Arcana propone una mostra contro la violenza sulle donne a Santa Croce

“Il silenzio lascia i lividi”, l’associazione Arcana propone una mostra contro la violenza sulle donne a Santa Croce
novembre 20
11:01 2017

Sabato 25 novembre sarà la Giornata Internazionale contro la Violenza sulle donne, un fenomeno sempre attuale e che non riguarda solo un genere. In merito alla giornata di sabato fioccano le iniziative in provincia di Ragusa. A Santa Croce l’associazione Arcana ha organizzato una mostra con lo scopo di “smussare gli angoli degli animi di chi è ancora legato alla cultura del silenzio”.

Il titolo della mostra promossa da Arcana è “Il silenzio lascia i lividi”, e si terrà presso la biblioteca Giovanni Verga a Santa Croce Camerina. La mostra potrà essere visitata nel corso di tutta la giornata.

Nella nota pervenuta dai membri dell’associazione Arcana si legge quanto segue: “diamo voce a quelle donne che subiscono e hanno subito violenze e sono costrette al silenzio. Abbiamo scelto una mostra fotografica e pittorica perché l’arte è un perno importante della nostra associazione e intendiamo in questo modo lanciare un grido di solidarietà a tutte le vittime rosa, con la speranza che i numeri esorbitanti riportati nelle statistiche possano diminuire”.

Ed ancora, spiegando qualcosa di più in merito alla mostra: “attraverso l’arte, vogliamo emozionare e portare alla riflessione, che non deve essere limitata ad un solo giorno, ma alla vita di sempre. Abbiamo pensato a curare l’iniziativa pure sotto il profilo psicologico grazie all’ausilio della dottoressa Marianna Cuciti che ci ha seguito mettendo a disposizione la propria esperienza, con una riflessione sul tema del femminicidio, mentre le altre nostre associate sono entrate nella parte dando il meglio di loro. Ringraziamo anche un’altra nostra associata, make up artist, Rosy Ruggeri, che ha creato un trucco scenografico per rendere il tutto più interessante. Vi aspettiamo, dunque, alla mostra per cercare di sensibilizzare i visitatori su questa delicata tematica”.

Articoli simili