Reteiblea

Siamo a secco ma non tutti!!

Siamo a secco ma non tutti!!
Nov 22
12:24 2018

Se non fosse assolutamente vero ci sarebbe da non crederci. Abbiamo infatti letto,  a firma della collega Fava,  un pezzo sulla Sicilia di oggi, che fa riferimento ad una delibera pubblicata sul sito dell’Ente. L’articolo arriva il giorno dopo alla pagina intera dedicata ai guai economici del libero consorzio  denunciati dal Commissario. E ora si parla di  poco più di 300 euro che un alto dirigente della ex Provincia di Ragusa,  non si è preoccupato di intascare pur nel dubbio che tale entrata potesse essere illegittima. E’ forse l’ennesimo segnale di una forma di decadenza morale che ha colpito l’Ente dopo tanti anni di commissariamento e di inattività forzata.  La vicenda riguarda tre sedute di commissione di esami per l’accesso alla professione di autotrasportatore di merci su strada e la relativa liquidazione dei  gettoni di presenza al presidente e ai componenti. E’ una delle tante determine  di liquidazione pubblicate nell’albo pretorio on line dell’ex provincia di Ragusa.  In questa si legge che il gettone di presenza di 79,29 euro a seduta riguarda anche il dirigente del primo settore e comandante della Polizia Provinciale Raffaele Falconieri,  presidente della Commissione stessa.   che, però,  tra i compiti propri del suo settore ha pure l’espletamento di questa prova d’esame per l’accesso alla professione di autotrasportatore. Al di là della cifra irrisoria che il dirigente in questione si è auto liquidato resta a tutti noi il dubbio che il gettone di presenza non sia dovuto al comandante della Polizia Provinciale considerato che il suo incarico di “Presidente della Commissione” rientra nei normali carichi di lavoro riferiti alla sua funzione.  Si parla quotidianamente della situazione di crisi in cui versano i Consorzi di Comuni come quello di Viale del Fante a Ragusa e poco più di 314 euro non basteranno a salvare l’ex Provincia dal default ma un dirigente che guadagna centomila euro l’anno dovrebbe esimersi dal liquidarsi quei pochi euro…. Sarebbe stato anche un gesto di solidarietà per tutti gli altri dipendenti che rischiano da un momento all’altro di vedersi azzerato lo stipendio.

Articoli simili

Iscriviti ai nostri canali