Reteiblea

Ragusa, è nato il Centro di Aggregazione Culturale

Ragusa, è nato il Centro di Aggregazione Culturale
marzo 03
12:32 2016

Lo scorso 27 Febbraio si è svolta l’inaugurazione del Centro di Aggregazione Culturale a cura di Amedeo Fusco e Rosario Sprovieri, presso i nuovi locali di via Mario Leggio 174. Soddisfacente l’affluenza di pubblico accorso per l’evento, a cui un emozionato Amedeo Fusco si è rivolto grato e motivato: “ringrazio con tutta l’anima tutti coloro i quali sono intervenuti qui stasera e che hanno dimostrato interesse e curiosità nei confronti di questo mio nuovo progetto. Questa nuova avventura, che segna per me un punto d’arrivo da cui riparto, è frutto di grande sacrificio e di grande amore”.Un particolare riconoscimento è andato anche a Lucio Morando ed ai più di 100 artisti che hanno collaborato con Fusco.

La sede dell’Associazione di Cultura Europea, il Centro di Aggregazione Culturale, è un bellissimo ed ampio locale collocato nel centro storico di Ragusa e si configura come un grande ed importante input per la rivitalizzazione dell’area, da molto tempo ormai quasi lasciata a sé stessa, data la quasi totale assenza di iniziative che possano attrarre la curiosità e la partecipazione dei cittadini. Anche i commercianti di via Mario Leggio hanno accolto con sostegno l’apertura di questo spazio.

La missione è quindi quella dello slancio culturale, senza mai dimenticare che tale obiettivo si raggiunge spesso e volentieri attraverso l’incontro col diverso: “lo scambio fra culture sarà al centro delle nostre attività. “Cultura” non intesa in senso didattico, ma come cultura del singolo individuo, del proprio bagaglio personale e della propria conoscenza. Ed è proprio da questa concezione che nasce il Centro di Aggregazione Culturale: forse il primo in Italia e nel mondo a porre le sue radici su queste basi. Idee nuove, sempre nuove”.

L’inaugurazione della sede coincide con la presentazione di una mostra collettiva di pittura, scultura, fotografia e pirografia. Le opere esposte si potranno contemplare fino al 15 marzo, tutti i giorni dalle 17 alle 21.

Articoli simili